spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sottoposto a un intervento chirurgico alla testa: la prognosi per adesso rimane riservata

    SPEDALETTO (SAN CASCIANO) – Sono ancora molto serie le condizioni di A.G., 56 anni, l’uomo residente nella frazione di Spedaletto che intorno alle 8 di lunedì 17 giugno è stato investito da un’auto, nel cuore della frazione. Da una Fiat Punto, guidata da un uomo anche lui residente a Spedaletto.

     

    A.G., ricoverato presso l’ospedale di Careggi, ha subito un intervento chirurgico alla testa durato alcune ore: nonostante ciò la prognosi rimane riservata. A trovarlo per pochi minuti è andato il fratello, più giovane di qualche anno: insieme condividono l’appartamento poiché non sono sposati.

     

    I residenti della piccola frazione sancascianese sono molto dispiaciuti per quanto avvenuto, ma sono anche vicini all’uomo che l'ha investito. Sembra che A.G. a passo svelto abbia tentato di attraversare la strada per andare a prendere l’autobus di linea per recarsi a lavorare, in un punto molto pericoloso di via Scopeti: tanto che l’automobilista non ha fatto in tempo a fermarsi.

     

    Saranno comunque gli organi competenti, in questo caso la polizia municipale di San Casciano intervenuta sul sinistro, a stabilire la dinamica esatta di quanto avvenuto.

     

    "L'uomo investito è un bravissimo carrozziere – ci dicono alcuni vicini di casa – per l’esattezza un “ribattitore”, lavora in una carrozzeria a Scandicci. Ci auguriamo che riesca a superare questo brutto momento e presto possa tornare a casa".

     

    Anche noi, ci auguriamo di poter pubblicare presto delle buone notizie riguardo a  quest’uomo che, al momento, sta lottando per vivere in un letto d’ospedale.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...