spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Quello del 25 gennaio in biblioteca a San Casciano: la coscienza civile… non dorme

     

     

     

    Serata all’insegna della legalità sul tema “Corruzione, che fare?” grazie a Presidio Libera "Emauela Loi" di Sant’Andrea in Percussina, con il patrocinio del Comune di San Casciano. La serata, svoltasi venerdì 25 gennaio nella saletta della biblioteca comunale in via Roma, ha avuto un ottimo successo di presenze. 

     

    A introdurre la serata Flavio Felici, referente del Presidio di Libera “Emanuela Loi”, che da due anni ha sede presso la parrocchia di Sant’Andrea in Percussina: "L’incontro della serata – ha spiegato – fa parte di un percorso chiamato “i 100 Passi” che prende il nome dal film su Peppino Impastato. Percorso che vuole arrivare al 16 marzo 2013 a Firenze, per la XVIII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, in anticipo a quella che si terrà il 21 marzo 2013".

     

    La parola è passata al professor Alberto Vannucci, docente di Scienze politiche (Università degli Studi di Pisa) autore del volume “Atlante della corruzione” (EGA-Edizioni Gruppo Abele). "Un libro – ha detto il sindaco Massimiliano Pescini – di grande interesse. Da tenere non in una libreria, ma a portata di mano sopra il comodino". 

     

    Ha concluso la serata Andrea Campinoti, sindaco di Certaldo, presidente di Avviso Pubblico, associazione che collega e organizza gli amministratori pubblici impegnati a promuovere la cultura della legalità democratica.  L’occasione è stata anche sfruttata per acquistare anche i prodotti di Libera Terra, frutto del lavoro dei giovani, che riunitisi in cooperative sociali, coltivano la terra confiscata ai boss della mafia.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...