spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La grande festa di Chiesanuova in onore del patrono, San Donato

    Celebrazioni nella frazione sancascianese, dove si sta lavorando per portare in paese in modo permanente una reliquia del Santo

    CHIESANUOVA (SAN CASCIANO) – La comunità di Chiesanuova domenica 7 agosto ha festeggiato il suo Patrono, San Donato.

    Alla Santa Messa solenne, oltre a don Cristian Comini parroco della frazione, per l’occasione è tornato a Chiesanuova padre Roberto Gallina, per anni alla guida della parrocchia di Chiesanuova, e che oggi è vicario parrocchiale dei Santi Gervasio e Protasio a Firenze.

    La chiesa di San Donato esisteva già come cappella nel 1921, intitolata al vescovo martire di Arezzo.

    Per poi, come scrive nel libro “Chiesanuova tra cronaca e storia” Donatella Viviani De Angelis, il 4 gennaio 1974 diventare sede parrocchiale. E la sua cappella prende il titolo di San Bartolomeo e San Donato a Faltignano.

    L’unica cosa che però la chiesa non ha mai posseduto è la reliquia del santo: per questo giorno speciale, don Cristian Comini ha ottenuto in prestito dal priore della Basilica di San Lorenzo, monsignor Viola, una sua reliquia.

    Ma già si sta lavorando per averne una che rimarrà per sempre a Chiesanuova.

    Alla Santa Messa erano presenti anche il sindaco di San Casciano Roberto Ciappi e l’assessore Moreno Cheli.

    Nell’omelia, don Comini ha ripercorso momenti della vita di San Donato, il cui corpo è conservato e venerato nella Cattedrale di Arezzo. Per questa vicinanza, alcuni fedeli hanno espresso il desiderio di fare un pellegrinaggio proprio nel capoluogo aretino.

    La festa è proseguita nel pomeriggio con i vespri e, alle 20, con la cena offerta dalla parrocchia. Con un intrattenimento musicale di Sancaballet, grazie a Stefania Belli.

     

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...