spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La testimonianza d’amore, fede e coraggio di Caterina Morelli è diventata anche un libro

    Una giovane donna scomparsa nel 2019. La sua grande forza, la sua vita nelle pagine scritte da Debora Sagrazzini. E presentate nel Salone dei Cinquecento

    SAN CASCIANO – Duecento persone hanno partecipato, sabato 2 aprile nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio (il massimo della capienza per le normative Covid), alla presentazione del libro “Storia di Cate. La volontà di Dio rende tutto perfetto” (Edizioni San Paolo).

    Scritto da Debora Sagrazzini, amica fraterna di Caterina Morelli e di tutta la sua famiglia, che ha pubblicato il libro su richiesta di Caterina: libro che ha iniziato a scrivere quando “la Cate” era ancora in vita.

    # La storia di Caterina Morelli su Rai Uno: il racconto di chi l’ha conosciuta

    # La storia di Caterina Morelli, di fede e amore: non c’è più da febbraio, vive nel cuore di tanti

    Ma chi era Caterina? Possiamo affermare con certezza che era un’anima buona.

    Nata a Firenze nel giugno del 1981, la sua famiglia e i nonni risiedono a Casciano: è la seconda figlia di mamma Maria Chiara e babbo Massimo, sorella di Benedetta e Martina.

    Cate riceve il Battesimo al convento dei cappuccini di San Casciano, la Santa Messa è celebrata da padre Guido Raspini e don Silvano Seghi.

    Cate, insieme a Benedetta, continuerà in giovane età a frequentare il convento dei cappuccini di San Casciano, accompagnate da nonno Beppe.

    Ha grande affetto per padre Guido, che nel 2008 terminerà la sua vita terrena in preghiera alla seconda stazione della Via Crucis a Lourdes, nel suo cinquantesimo pellegrinaggio. Lourdes che diventerà luogo molto caro e amato da Caterina.

    E’ l’inizio del libro di Debora Sagrazzini, che accompagna il lettore percorrendo la vita di Cate e del marito Jonata, dei loro figli Gaia e Giacomo.

    Che racconta la grande forza di questa donna colpita da un mare incurabile, consapevole di tutto quello che le accadrà (in quanto medico): fino ad abbandonare questa terra l’8 febbraio 2019.

    Duecento erano le persone presenti alla presentazione del libro, così come duecento erano le persone che si erano recate nella casa di San Casciano a pregare per Cate e darle l’ultimo saluto.

    La presentazione del libro è stata introdotta e coordinata da don Filippo Belli, che ha letto una bellissima lettera inviata per l’occasione dal cardinale di Firenze Giuseppe Betori

    A seguire, le testimonianze di Alfredo Danti dell’ospedale pediatrico Meyer, don Volodymyr Voloshyn rettore e parroco della parrocchia cattolica Ucraina, Dario Nardella sindaco di Firenze, Agnese Pini direttrice de La Nazione. E, infine, dell’autrice Debora Sagrazzini. 

    @RIPRODIZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...