spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 25 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Lega Nord a San Casciano per spiegare i motivi del No al referendum

    Lunedì 19 settembre il partito sarà in paese per parlare ai cittadini e ascoltare anche i problemi del territorio

    SAN CASCIANO – La Lega Nord, il territorio e i motivi del no al prossimo referendum costituzionale. Lunedì prossimo il partito del Carroccio sarà a San Casciano per spiegare le proprie idee sulle questioni.

     

    “Passeremo un giorno a San Casciano durante il quale la propaganda per il No alla riforma si affiancherà all'ascolto delle problematiche del territorio. Faremo ciò che ci riesce fare meglio: ascoltare i problemi dei cittadini” dichiara Lorenzo Somigli (nella foto), coordinatore Lega Nord Chianti.

     

    E' stata inoltre indetta una conferenza stampa presso la biblioteca comunale che ha per titolo “Come dire No”, incentrata sulle ragioni del No al referendum costituzionale. Relatori saranno lo stesso Lorenzo Somigli e Vincenzo Bosco presidente del Comitato per il no alla riforma costituzionale Renzi-Boschi San CasciaNO promosso dalla stessa Lega.

     

    “No all'uomo solo al comando che fa piazza pulita di pesi e contrappesi, no ad un Senato-larva non più eletto da noi cittadini, no alla controriforma. Contestualmente esporremo le nostre proposte per risolvere alla radice i mali del sistema politico e istituzionale. No alle controriforme sì alle vere riforme come l'elezione diretta del Capo di Stato”, dichiara Bosco.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...