spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Letizia Mori: l’osteopatia spiegata dal Poliambulatorio della Misericordia di San Casciano

    L'abbiamo incontrata per farci raccontare i "segreti" di questa... medicina manuale: "Non trattiamo solo il sintomo, ma la causa del dolore"

    SAN CASCIANO – Letizia Mori, dottoressa osteopata presso il Poliambulatorio della Misericordia di San Casciano.

    L’abbiamo incontrata per farci raccontare i “segreti” dell’osteopatia. In cosa può essere utile nella nostra vita quotidiana.

    Letizia Mori, osteopata alla Misericordia di San Casciano, si presenti…

    “Letizia Mori è osteopata, massofisioterapista. Laureata in scienze motorie, ricevo da due anni al Poliambulatorio della Misericordia di San Casciano, in viale Corsini 35-37, il cui direttore sanitario è il dottor Paolo Mancini“.

    Che cos’è l’osteopatia e perché ci si rivolge a un professionista per un trattamento osteopatico?

    “L’osteopatia è la medicina manuale che ha un approccio olistico, non si limita a trattare il sintomo, ma la causa del dolore. Ci si rivolge ad un professionista per un trattamento osteopatico se si hanno dolorabilità muscolo scheletriche (lombalgia, cervicalgia, blocchi articolari sciatalgia…), disturbi viscerali (reflusso gastro esofageo, gastriti, stipsi, colite, …), disturbi legati a mal di testa, bruxismo, disturbi legati alla gravidanza e disturbi neonatali”.

    Quali benefici porta il trattamento?

    “In primis si ricerca il benessere del paziente e la omeostasi (equilibrio). Inoltre si ricerca la massima capacità funzionale dell’organismo in seguito a traumi o malattie. Compito dell’osteopatia è ricercare l’allineamento posturale, l’allineamento degli arti e della testa, la liberazione vertebrale, il rilassamento dei muscoli e del connettivo, il riequilibrio viscerale, la decongestione cranica e la rigidità sacrale”.

    Quante sedute sono necessarie per un trattamento, al netto della differenza di paziente e patologia?

    “Le sedute necessarie per il trattamento non sono definibili a priori ma dipendono dalla persona e dalla tipologia di intervento, in quanto il trattamento osteopatico non ha un protocollo di lavoro standard: ogni  individuo è unico. Durante la prima seduta viene fatta l’anamnesi, poi viene concordato con il paziente l’iter da perseguire, a seconda delle necessità”.

    Perché ha scelto di diplomarsi in Osteopatia? Che cosa l’ha affascinata di questo percorso di studi?

    “Ho scelto di diventare osteopata perché, con il percorso precedente da massofisioterapista, non avevo la possibilità di prendermi cura del paziente nella sua totalità ma solo parzialmente, massaggiando”.

    Il 29 giugno 2019 si è diplomata, dopo quella data ha iniziato subito a fare i trattamenti?

    “Dopo il diploma ho iniziato subito a lavorare come osteopata. Grazie alla laurea in scienze motorie e massofisioterapista seguivo già dei pazienti, ai quali, in seguito al diploma in Osteopatia, ho iniziato a proporre questa nuova visione osteopatica, più completa che mi permetteva di prendermi cura della persona in maniera globale”.

    Per prenotare un trattamento osteopatico, è possibile prenotarsi on line tramite il sito della Misericordia misericordiasancasciano.it. Oppure telefonando al numero  fisso 055820235 o scrivendo una e-mail a ambulatori@misericordiasancasciano.it.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...