spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grandi capitali del vino: il vicepresidente vicario di ChiantiBanca guida la Commissione fiorentina

    SAN CASCIANO – E' Stefano Mecocci (in foto sopra), vicepresidente vicario di ChiantiBanca e sancascianese "doc", il nuovo presidente della Commissione fiorentina del prestigioso network Great Wine Capitals (le grandi capitali del vino): è stato nominato dalla giunta della Camera di Commercio di Firenze.

     

    Great Wine Capitals è un network mondiale che riunisce le grandi capitali del vino: ci sono Firenze, Bilbao-Rioja per la Spagna, Bordeaux per la Francia, Christchurch per la Nuova Zelanda, Cape Town per il Sudafrica, Mainz per la Germania, Porto per il Portogallo, San Francisco per gli Stati Uniti d'America e Mendoza per l'Argentina.

     

    Insomma, un progetto di cooperazione internazionale fra i Paesi maggiori produttori di vino del mondo: lo scopo è quello di collegare fra di loro città ed aree economiche di queste zone di rinomata produzione vitivinicola, facilitando scambi economici, culturali, universitari.

     

    “Assumo questo incarico – sono parole di Stefano Mecocci – con grande entusiasmo. Del resto rappresentare una banca che è nata e si è sviluppata nel Chianti, in un'area universalmente riconosciuta nel mondo come una delle più prestigiose per la produzione vitivinicola, mi dà un ulteriore senso di responsabilità nell'ambito di questa nuova avventura”.

     

    Starà alla Commissione fiorentina, presieduta dallo stesso Mecocci, elaborare strategie mirate al perseguimento degli obbiettivi di Great Wine Capitals: mettendo in contatto staff tecnici provenienti da diverse industrie, sviluppando scambi accademici, organizzando eventi internazionali e promuovendo incontri artistici e culturali.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...