spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Oggi entra in azione la prima squadra dei migranti contro il degrado e il vandalismo

    Interventi nell'area del parcheggio Stianti, spazio preso di mira da vandali, writers e imbrattatori

    SAN CASCIANO – Migranti all’opera nella riqualificazione di spazi pubblici, protagonisti della campagna antivandalismo promossa dal Comune di San Casciano.

     

    La prima squadra parte oggi, lunedì 13 giugno nell’area del parcheggio Stianti, spazio preso di mira da vandali, writers e imbrattatori.

     

    Dal decoro urbano alla manutenzione del patrimonio pubblico passando per le attività socio-culturali nelle sedi dei circoli e delle associazioni locali. Per i trenta giovani migranti provenienti da vari paesi dell'Africa che alloggiano al Centro di accoglienza di San Casciano, nell’ambito del piano sostenuto e coordinato dalla Prefettura di Firenze, si intensifica il percorso di integrazione e cittadinanza attivato in collaborazione con Oxfam.

    La giunta Pescini ha definito gli obiettivi e i contenuti del progetto sul volontariato sociale che vedrà i richiedenti asilo impegnati a vivere e condividere varie esperienze di volontariato di utilità pubblica sul territorio tra cui l’attività di imbiancatura e ripulitura del parcheggio multipiano Stianti, uno dei più ampi del Chianti. La collaborazione nasce allo scopo di agevolare l’inserimento dei profughi nel tessuto sociale della comunità sancascianese.

     

    “Il progetto – spiega l’assessore alle politiche per l’integrazione Consuelo Cavallini – prevede nello specifico la tinteggiatura di alcune porzioni del parcheggio pubblico “ex Stianti” a San Casciano. In una prima fase saranno interessati gli spazi che ospitano le scale di accesso e gli ascensori situati nella torre adiacente al viale Corsini, zone che in più occasioni e in maniera ricorrente sono state oggetto di atti di vandalismo, l’intervento si propone dunque  di rimuovere le scritte e riqualificare complessivamente gli ambienti attraverso l’imbiancatura delle pareti e la ripulitura di parte della cartellonistica presente, in una seconda fase i piani del parcheggio troveranno nuova vita e colore”.

    I migranti saranno affiancati dal personale del Comune. Il progetto prevede anche l’esecuzione di piccoli interventi di manutenzione del verde pubblico lungo i vialetti e i percorsi pedonali interni all’area ex Stianti, verde pubblico nelle scuole, aree archeologiche di Ponterotto e via Collina.

     

    “Come nelle fasi precedenti del percorso – commenta l’assessore alle politiche sociali Elisabetta Masti –  le associazioni di volontariato saranno protagoniste attive e affiancheranno i ragazzi con maestranze proprie e mettendo in campo le loro esperienze professionali”.

    I migranti sono impegnati a seguire il corso di lingua italiana e molte sono le attività che stanno già svolgendo nel segno di un percorso di integrazione, nato spontaneamente e accolto dalla comunità. In questo incontro di culture diverse rappresentano esempi positivi le esperienze in corso relative agli allenamenti di calcio, le prove di canto corale e le lezioni del corso di legatoria artigianale organizzato negli spazi della biblioteca comunale.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...