spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Misericordia di San Casciano: “Ci scusiamo per il disservizio telefonico, al lavoro per risolvere”

    "Credo si sia trattato di un problema contingente. Che spero non si ripeta. Ha ragione la signora". Verifiche anche sulle linee fisse insieme al gestore telefonico

    SAN CASCIANO – “Ci scusiamo per il disservizio e ci siamo subito attivati per risolvere la criticità”.

    Sono le parole del Governatore della Misericordia di San Casciano, Marco Poli, che ha letto la lettera di una cittadina sancascianese che lamentava l’impossibilità di raggiungere telefonicamente l’ambulatorio della propria dottoressa di famiglia.

    # “Ambulatori Misericordia San Casciano: 35 telefonate per contattare il mio medico di famiglia”

    “Credo si sia trattato – prosegue Poli – di un problema contingente. Che spero non si ripeta. Ha ragione la signora”.

    Misericordia che ha fatto anche ulteriori verifiche sulle linee telefoniche fisse con il gestore, ed ha visto che ci sono pure alcune problematiche tecniche.

    La Confraternita sta comunque lavorando per risolvere il tutto, visto anche il periodo di super lavoro dovuto all’esigenze di tante persone di effettuare i tamponi rapidi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...