spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Inaugurata la mostra di Robert Shackelford: il ricavato viene devoluto all’ospedale pediatrico

    CERBAIA (SAN CASCIANO) – Nella serata di mercoledì 5 giugno è stata inaugurata presso il bar “Da i' Moro” di Cerbaia, la mostra di quadri del pittore americano Robert “Robbie” Shackelford, direttore della sede italiana della Harding University (Scandicci).

     

    Tutto il bar è tappezzato dai quadri dei paesaggi chiantigiani, e in particolare, nella stanza contigua al locale, è possibile osservare i sette quadri dell'Apocalisse, incentrati sul libro biblico appunto, e realizzata con la particolare tecnica di preparazione della tela di Jules Maidoff, professore presso la SACI (Studio Arts Center International).

     

    L'iniziativa, messa in piedi da Robert con l'aiuto delle gestrici del bar cerbaiolo, ha come fine quello della vendita di quadri, stampe e magliette il cui ricavato andrà interamente in beneficenza all'Ospedale Meyer, in particolare al progetto “Help The Children”.

     

    “Il progetto era già partito con altre iniziative quasi due anni e mezzo fa – racconta Robert (in foto) – l'idea di esporli in questo bar nasce da una conoscenza con le proprietarie che coltivo da quando sono venuto ad abitare in zona, quasi tutti i giorni per andare a lavoro ci fermiamo qui a fare colazione. Quanto sono venuti ad una mostra che ho fatto l'anno scorso a Scandicci mi hanno proposto di farla qui”.

     

    I quadri, improntati al surrealismo, resteranno esposti “Da i' Moro” per tutto il mese di giugno. E tra un caffè e un cornetto sarà possibile immergersi nell'arte e magari dare il proprio contributo all'ospedale Meyer ed aiutare così i bambini meno fortunati nel mondo.
     

    di Andrea Alfani

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...