spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A teatro con i migranti, le immagini dello spettacolo al Niccolini in mostra

    Gli scatti della messa in scena di "Morte accidentale di un somalo". Dal 10 dicembre alla biblioteca comunale

    SAN CASCIANO – L'Associazione culturale fotografica "L'arsomiglio", in occasione della "Giornata mondiale dei diritti umani" che si tiene, come ogni anno dal 1950, il prossimo 10 dicembre, promuove una esposizione fotografica dal titolo "A teatro con i migranti". L'inaugurazione avverrà alle ore 17 presso la sala conferenze della Biblioteca comunale di San Casciano, via Roma 37.

    L'esposizione ha come oggetto una selezione di fotografie realizzate alle prove ed alla messa in scena pubblica, tenutasi al teatro Niccolini di San Casciano il 22 marzo scorso, dello spettacolo teatrale "Morte accidentale di un somalo".

     

    La rappresentazione, con la regia di Patrick Duquesne, ha visto come protagonisti, oltre ai nostri concittadini Marco Borgheresi e Samuel Osman, sei migranti richiedenti asilo ospiti dei centri di accoglienza di San Casciano e Sambuca: Abdullah, Ester, Filippe, Malik, Mamadù e Prosper. Ed è proprio la valenza sociale e solidaristica, oltre a quella culturale e drammaturgica, ad aver ispirato il lavoro dei fotografi dell'Arsomiglio.

     

    Le immagini sono state realizzate da Fabio Berni e Paolo Marini, entrambi residenti nel territorio sancascianese e membri della nostra Associazione. L'esposizione sarà visibile dal 10 al 30 dicembre ed ha ottenuto il patrocinio del Comune di San Casciano.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...