spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La segnalazione di un lettore: “E’ in via Mattoncetti. Chiediamo al Comune di rimuoverlo”

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – La segnalazione ci arriva direttamente da un nostro lettore di Mercatale, e riguarda un problema del quale purtroppo nelle utlime settimane ci siamo dovuti occupare con risvolti di cronaca nera.

     

    Prima con la morte del geometra del Comune di Greve in Chianti, Claudio Merciai, stroncato in seguito a uno shock anafilattico causato da una puntura di calabrone (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    Poi, alcuni giorni dopo, con la vicenda di un operai sancascianese punto ripetutamente da alcune vespe mentre stava lavorando. Lui se l'è cavata con una pronta volata verso l'ospedale di Ponte a  Niccheri (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "Nel capoluogo – ci ricorda il nostro lettore – sono pervenute segnalazioni di presenza di nidi di calabroni gialli, soprattutto in zona Bardella".

     

    "Così anche nella frazione di Mercatale – spiega venendo al suo paese – dove il nido si trova nello stabile in via Mattoncetti (la foto sopra è d''archivio), dove si trovano la Cassa di Risparmio di Firenze e l'ufficio postale".

     

    "Adesso – conclude – aspettiamo l'intervento immediato del Comune per risolvere questo problema, magari utilizzando questa segnalazione per fare la disinfestazione nel 2014. E negli anni che verranno: a sicurezza di tutti".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...