spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nuova vita per la ludoteca di Chiesanuova: uno spazio di aggregazione per il paese

    Uno spazio che non veniva più utilizzato per mancanza di volontari, rinasce grazie all'impegno di alcuni genitori

    CHIESANUOVA (SAN CASCIANO) – Ha riaperto i battenti da pochissimi giorni la piccola ludoteca “A.Viviani” di Chiesanuova, presso i locali del Crc in via Filippo Brunelleschi 29.

    Questo spazio, pensato e realizzato a suo tempo da Moreno Cheli e dalla moglie Ivana Gherardelli, non veniva più utilizzato per mancanza di volontari che lo gestissero.

    Poi, come succede fortunatamente abbastanza spesso nelle nostre comunità, alcuni genitori che abitano nella frazione con figli piccoli hanno pensato che fosse una buona idea dedicare un po’ del loro tempo a qualcosa che li facesse stare insieme. E che, soprattutto, servisse ai piccolini per socializzare giocando.

    Armati di buona volontà hanno ripulito il locale, sistemato tutti i libri ed i giochi come si deve. E hanno cominciato a fare un passaparola generale, tramite una mailing list (se volete avere informazioni scrivete a piccolaludotecachiesanuova@gmail.com) perché la ludoteca possa diventare un punto di riferimento anche per i genitori della vicina Romola, Cerbaia. E per quanti vorranno venirci.

    Abbiamo incontrato Elisa Pucci e Camilla Ciappina, ideatrici di questo progetto. Che per il momento, in attesa di altri volontari, si sono rese disponibili per l’apertura del venerdì pomeriggio dalle 16.30 alle 19.

    “Abbiamo deciso di riaprire questo spazio – ci spiegano Elisa e Camilla – per ritrovarci insieme noi mamme, ma anche i papà, con i nostri bambini e trascorrere insieme un po’ di tempo facendo anche qualcosa di costruttivo”.

    “E’ un piccolo spazio – ribadisce Camilla – e per questo l’abbiamo chiamato la “Piccola ludoteca A.Viviani”. Ma è idoneo per fare moltissime attività”.

    “Infatti – ci spiegano ancora – oltre ai giochi di una normale ludoteca abbiamo pensato di sviluppare nel tempo dei piccoli laboratori didattici. Come il laboratorio in lingua inglese per i piccoli dai 2 ai 4 anni, iniziato lunedì 13 gennaio, “Mummy and me”, tenuto da Debora Chellini di Story Time”.

    “Un progetto – sottolineano Elisa e Camilla – che è presente per la prima volta nel nostro territorio e per questo siamo orgogliose di ospitarlo, per far imparare ai nostri bambini qualche parolina in inglese mentre giocano”.

    Grazie alla mailing list ed ad una pagina Facebook (in arrivo), Elisa e Camilla contano nella buona risposta di molti, soprattutto dei genitori di Chiesanuova, visto che in questo momento ci sono tanti bambini piccoli nel paese che potrebbero usufruire di questo unico spazio di aggregazione.

    Comodissimo è anche il fatto che la ludoteca si trova proprio a fianco della scuola di danza Sancaballet di Stefania Belli. E dunque molte mamme con figli piccoli potrebbero usufruire di questo spazio mentre aspettano i più grandi a lezione di ballo.

    “Una cosa da sottolineare – ribadisce Elisa – è che la ludoteca fa parte del circolo Arci e quindi è necessario fare la tessera. O qui o in qualsiasi altra sede”.

    “Siamo contenti – conclude il presidente dell’Arci di Chiesanuova Marco Bencistà – che questo spazio sia tornato a nuova vita. E che le persone del posto se ne prendano cura: perché diventi un punto di ritrovo importante del paese”.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...