spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Raccoglie incredibili reperti: molti provengono dagli scavi per la costruzione della nuova Laika

     

     

     

     

     

    SAN CASCIANO – C'era davvero tantissima gente, sabato 13 luglio, al taglio del nastro del nuovo allestimento della Sezione Archeologica del Museo Civico di San Casciano.

     

    Sotto lo "sguardo" attento della stele delll'arciere, una delle più grandi e più belle di tutta l'Etruria settentrionale, si è celebrato il rinnovamento dell'esposizione. Fatta con una scelta dei materiali più interessanti atti ad illustrare la lunga storia dell'insediamento sul territorio, dalle tombe etrusche di età orientalizzante ed arcaica, agli insediamenti di età ellenistica e romana.

     

    Per la prima volta, inoltre, sono stati esposti al pubblico i reperti provenienti dall'insediamento di età ellenistica e romana del Ponterotto, rinvenuti durante gli scavi per il nuovo stabilimento Laika, restaurati ed esposti a poca distanza di tempo dal loro rinvenimento, grazie al contributo della Regione Toscana ed al lavoro del Centro di restauro della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, del Comune di San Casciano e dell'associazione archeologica SIAM.

     

    Il nuovo allestimento della Sezione Archeologica del Museo Civico di San Casciano è stato progettato e realizzato a cura di David Baroncelli con la collaborazione di Lorella Alderighi della Soprintendenza Archeologica della Toscana, e dei soci della SIAM.

     

    Una sinergia virtuosa di vari enti e del volontariato locale per raggiungere l'obiettivo di rendere fruibili al pubblico i risultati delle scoperte, antiche e recenti, dell'intero territorio. L'apertura del nuovo allestimento museale prelude all'inaugurazione, prevista per il prossimo anno, dell'area archeologica di Ponterotto.

     

    Per chi c'è già stato lo stimolo a tornare. Per chi ancora non avesse visitato il Museo Civico un consiglio: andate e portateci i bambini. C'è una sezione ludica davvero interessante e coinvolgente, e le stesse storie che ci arrivano lontanissime nei secoli, che ci raccontano di alluvioni, incendi, ricostruzioni, raccontate dai reperti ritrovati (attrezzi da lavoro, anfore, chiodi, coltelli, …), sono a dir poco affascinanti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...