spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Occhio lungo la SP92 Grevigiana per Mercatale: tornano i volontari per il salvataggio fauna anfibia

    Fino al 20 marzo, in direzione Mercatale e San Casciano, nel tratto fra I Paolini e la Calcinaia, la Metrocittà istituisce il limite di 50 km/h

    SAN CASCIANO – Tornano, fra la Calcinaia e la località I Paolini, nel comune di San Casciano, lungo la SP92 “Grevigiana per Mercatale”, i volontari che tutelano la fauna anfibia di questa zona di territorio chiantigiano.

    Sono i volontari dell’Oasi Wwf di Focognano (Campi Bisenzio) che aiutano manualmente i rospi comuni (Bufo bufo) maschi e femmine intenti ad attraversare la strada.

    Lo fanno al momento del crepuscolo, per fargli raggiungere gli stagni d’acqua, dove dopo l’accoppiamento le femmine andranno a depositare le uova che successivamente verranno fecondate dal maschio.

    Per evitare che molti di questi anfibi rimangano schiacciati dalle auto, torneranno quindi i volontari che, armati di torce, giacche catarifrangenti e appositi contenitori, si impegnano in questa “operazione-salvezza”.

    Da qui la necessità, in questo periodo dell’anno (fino al prossimo 20 marzo) di limitare la velocità a 50 km/h: a tutela degli stessi volontari.

    L’Ufficio Viabilità della Città Metropolitana di Firenze ha quindi stabilito sulla SP92 “Grevigiana per Mercatale” la limitazione di velocità a 50 km/h e l’installazione di segnali mobili di pericolo generico.

    In corrispondenza del km 2+300 circa, sulla corsia direzione Mercatale, ed in corrispondenza del km 2+950 circa sulla corsia direzione San Casciano, con orario 00/24.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...