spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Educazione alla cittadinanza nelle scuole: il Pd la “spinge” in piazza

    Il Partito democratico di San Casciano sabato 24 novembre con i banchini per la raccolta firme

    SAN CASCIANO – Torna in piazza il Partito democratico di San Casciano: lo farà sabato 24 novembre con i banchini per la raccolta di firme a sostegno del progetto di legge di iniziativa popolare promosso dall’Anci, sull’introduzione nelle scuole dell’educazione alla cittadinanza.

     

    "Saremo presenti – annuncia David Malquori, segretario del Pd di San Casciano – in piazza Pierozzi fin dalla mattina per sostenere questo importante progetto educativo e sociale".

     

    "Un progetto – ricorda Malquori – partito dal Comune di Firenze e promosso dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, che punta al raggiungimento delle 50.000 firme per la legge di iniziativa popolare, e che nasce  da un’esigenza diffusa di riappropriarsi del senso di appartenenza alla comunità e di regole di convivenza che aiutino i giovani a diventare “buoni cittadini”. L’obiettivo è quello di rimettere al centro e promuovere, fin dalla scuola, i principi e valori civili fondamentali come la partecipazione, la corresponsabilità, la legalità, la democrazia, il bene comune".

     

    "Educare al bene comune – rimarca – promuovere la partecipazione ,civica, educare alla legalità , alla sicurezza nel rispetto reciproco,  all’utilizzo della rete contro incitamento all’odio, il cyber bullismo, le fake news; migliorare i comportamenti e stili di vita sostenibili, attraverso la lotta allo spreco alimentare, la tutela dell’ambiente e degli spazi comuni. Farlo attraverso lo studio della Costituzione per conoscere diritti e doveri dei cittadini, recuperare il valore della memoria, affermare concetti di pace, fratellanza e libertà per la costruzione della coscienza del bambino-cittadino. Introdurre l’educazione ambientale, digitale ed alimentare. Approfondire il funzionamento delle istituzioni, del sistema di governo e delle istituzioni europee e di elementi di diritto".

     

    "Un progetto – sottolinea Malquori – che il Partito democratico di San Casciano sostiene con convinzione. Siamo in un’epoca in cui si pensa, con lo smartphone in tasca, di avere un facile accesso a tutte le informazioni, quando invece c’è purtroppo spesso molta superficialità che si traduce in scarso approfondimento, se non vera e propria disinformazione su molte tematiche civiche, economiche e politiche. Lo vediamo purtroppo anche molte volte in certi rappresentanti politici,  ai quali, pare manchino proprio le basi. Per cui la proposta dei sindaci di tutta Italia, va nella direzione giusta, quella di introdurre l’educazione alla cittadinanza come materia autonoma nelle scuole".

     

    "A San Casciano – conclude – grazie alla sensibilità della scuola e degli insegnanti, sono presenti molti progetti condivisi e sostenuti dal Comune volti proprio all’educazione alla cittadinanza, alla legalità, allo spreco alimentare, alla memoria:  in sintesi , un’educazione a vivere bene il senso di comunità. Buone pratiche che dovrebbero essere messe a patrimonio comune. Proprio perché si tratta di un tema sociale ancor prima che culturale, invitiamo tutta la cittadinanza a contribuire, per un progetto che guarda al futuro dei nostri figli, per renderli cittadini migliori domani".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...