spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Per 42 anni maestra alle scuole di Cerbaia: Elena Agherini ha sposato il suo Michele

    Le fedi nuziali portate dalla cagnolina, Turandot, legate a un candido fiocco sul ciuffo: Elena da anni si occupa di cani e gatti raccolti da chi non dona loro affetto

    SAN CASCIANO – Doveva essere un matrimonio con dei valletti speciali, ovvero tutti i suoi amati amici a quattro zampe, ma purtroppo il tempo capriccioso non ha permesso la loro presenza.

    Così giovedì 8 settembre, avanti all’ufficiale dello stato civile del Comune di San Casciano, l’assessore Moreno Cheli, si sono uniti in matrimonio Elena Agherini e Michele Migliori, nella sala del consiglio comunale.

    Per quarantadue anni Elena è stata maestra alle scuole di Cerbaia.

    Da poco in pensione, ha pensato che era arrivato il momento giusto per sposarsi con Michele.

    Adesso avranno tutto il loro tempo da dedicare agli animali più sfortunati, ma anche per fare passeggiate immergendosi nella natura.

    E se alle nozze gli altri valletti non erano presenti, c’era una loro rappresentante: la canina Turandot, che ha portato agli sposi gli anelli su un candido fiocco sul ciuffo.

    Un evento particolare, ma voluto fortemente da Elena che da anni si occupa di cani e gatti raccolti da chi non dona loro affetto.

    Tanto che si considera una volontaria, amante anche dell’ambiente, naturalmente supportata da Michele. 

    A loro i più sinceri auguri di ogni bene anche da parte della redazione del Gazzettino del Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...