spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ma manca ancora l’ok di Publiacqua all’uso alimentare dai rubinetti

    SAN CASCIANO – A San Casciano, nel capoluogo, si è vissuto il post alluvione di lunedì 21 ottobre con le taniche e le bottiglie per l'acqua.

     

    Permane infatti nel capoluogo (e anche a Greve in Chianti e al Ferrone) il divieto di utilizzo dell'acqua del rubinetto per fini alimentari: l'esondazione della Greve alle Sibille ha infatti travolto in pieno gli impianti di Publiacqua (clicca qui per leggere l'articolo con le sue ultime informazioni ufficiali). 

     

    Ilavori di ripristino sugli impianti di potabilizzazione interessati dall'allagamento sono terminati nel tardo pomeriggio di oggi.

     

    Il ripristino della normale erogazione sta avvenendo in questi minuti con la gradualità determinata dai tempi tecnici di riempimento dei serbatoi.

     

    L’acqua è potabile per tutte le frazioni del Comune di San Casciano mentre se ne sconsiglia l’uso a fini alimentari nel capoluogo dello stesso Comune e nell’abitato de Il Ferrone. La precauzione rimarrà valida fino a nuova comunicazione.

     

    Nelle foto, scattate da Antonio Taddei nei giardini del Piazzone, i sancacianesi ai… "rifornimenti".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...