spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il pranzo sociale a Villa San Martino per gli “anziani fragili” del territorio

    L'Rsa ha aperto ancora le sue porte alla comunità: per una giornata speciale per residenti e non

    SAN CASCIANO – Grande pranzo sociale, nei giorni scorsi, all'Rsa Villa San Martino in via Empolese: dove, fra l'altro, si sono festeggiati i 106 (!) anni di Estella Caprotta.

     

     

    Come da tradizione ormai, oggni anno l'Rsa e il Comune di San Casciano organizzano un pranzo sociale (alla presenza del sindaco Massimiliano Pescini e dell'assessore ai servizi sociali Elisabetta Masti), invitando gli "anziani fragili" del territorio individuati dai servizi sociali del Comune stesso.

     

    "Una delle occasioni – dicono da Villa San Martino – per aprire alla comunità le porte della nostra struttura (rappresentata dalla direttrice Simona Masini, dall'ammainistratore Niccolò Sborgi, dalla geriatra Anna Salvioni, n.d.r.) e farsi gli auguri del nuovo anno. Ma anche per ringraziare chi collabora con noi e contribuisce a dare un buon servizio agli anziani, e cioè le associazioni di volontariato, Misericordia, Auser e Anteas.

     

    Quest'anno hanno partecipato anche il sindacato pensionati Fnp Cisl rappresentato da Mariagrazia Viganò, lo Spi Cgil rappresentato da Maria Pia Chellini (che ha pure fatto… la Befana), e il gruppo delle "nonne favolose".

     

     

    "Con le quali – dicono ancora dall'Rsa – stiamo facendo un progetto di lettura con i nostri ospiti, grazie alla biblioteca di San Casciano, rappresentata da Nina (Carmelina Di Claudio)".
     

     

    Invitato "speciale" il pittore Giuseppe Aldini, che ha donato un'importante opera rappresentante la Pieve di San Martino, come ringraziamento alla struttura.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...