martedì 24 Novembre 2020
Altre aree

    Premio Letterario Chianti, riprendono gli incontri con i finalisti: si riparte dallo stadio comunale di San Casciano

    Dopo la lunga pausa dovuta all'emergenza sanitaria, riprendono quindi gli incontri con gli autori finalisti: sabato 25 luglio giurati in piazza a Castellina in Chianti

    SAN CASCIANO – Premio Letterario Chianti, riprendono gli incontri con i finalisti dopo lo stop dovuto all’emergenza Covid-19.

    Appuntamento sabato 11 luglio, alle 18, nello stadio comunale di San Casciano, con Valerio Aiolli; il 25 luglio, nella piazza di Castellina, con Mariapia De Conto.

    Dopo la lunga pausa dovuta all’emergenza sanitaria, riprendono quindi gli incontri con gli autori finalisti del Premio Letterario Chianti con l’adozione delle precauzioni previste per le manifestazioni pubbliche.

    Dopo l’appuntamento, il 29 febbraio scorso a Greve, nel Giardino di Zago, con Gesuino Némus e il suo romanzo “Il catechismo della pecora” (Elliot), i giurati del Premio incontreranno sabato 11 luglio 2020, alle ore 18, nello stadio comunale di San Casciano, Valerio Aiolli, che presenterà ai lettori il suo “Nero Ananas”, edito da Voland.

    Sabato, 25 luglio, alle 18, nella piazza del comune di Castellina in Chianti, sarà la volta di Mariapia De Conto con “Il silenzio di Veronika” (ed. Santi Quaranta).

    Gli altri due incontri, con Enrico Ianniello e Andrea Molesini, e la cerimonia finale saranno comunicati successivamente.

    La disposizione dei posti a sedere sarà conforme alle norme correnti in materia sanitaria (distanziamento), mentre ogni singolo partecipante dovrà portare la mascherina.

    Per quanto riguarda la firma dell’autore sui libri i lettori dovranno attenersi scrupolosamente e pazientemente alle disposizioni che verranno impartite.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...