spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Presentazione davvero particolare per l’annata 2013-2014: con tanto di chef… stellato

    SAN CASCIANO – Circa 150 persone si sono messe pazientemente in fila, domenica 20 ottobre, per scoprire i segreti del Teatro Niccolini in via Roma.

     

    E’ stato il Comune di San Casciano, in collaborazione con l’associazione Gassa d’Amante, a organizzare la piacevole scoperta degli spazi che vengono solitamente occupati solo dagli addetti ai lavori.

     

    Così, salendo lungo le vecchie scale in pietra, attraversando i palchi, è stato possibile ammirare l’affascinante cupola del teatro, un posto magico fatto di travi di legno, archi e capriate; per poi arrivare alla graticcia che con un intrigo di corde e nodi, da cui è possibile affacciarsi sul palcoscenico.

     

    E alla fine la sosta al bar del foyer per degustare golose sorprese grazie allo chef Matia Barciulli, affiancato da Matteo Gambi, intenti a preparare la schiacciata con l’uva, il gelato all’olio extravergine d’oliva e la crema a base di yogurt e frutti rossi. Oltre alla possibilità di degustare, per quelli più "tradizionali", anche del buon affettato offerto dalla macelleria Secci.

     

    A fare da guida è stato l’attore Massimo Salvianti, che ha intrattenuto i presenti durante la lavorazione dello chef, leggendo alcuni brani tratti da "Pinocchio".

     

    La serata aveva lo scopo di illustrare il programma della stagione teatrale 2013-2014. A fare conoscere il nutrito cartellone è stato lo stesso Salvianti, che prima ha passato la parola all’assessore alla cultura del comune di San Casciano Chiara Molducci.

     

    "Siamo contenti di questa partecipazione – ha detto Molducci – perché il Teatro Niccolini oggi è stato un luogo d’accoglienza, una casa aperta a tutti. Questo Teatro è delle persone che abitano il nostro paese, il nostro comune, ma anche di tutte quelle che vogliono venire a farlo vivere".

     

    "L’idea nostra – ha proseguito – era proprio questa. Alla base di quella che è la democrazia in generale ci sono la cultura e l’istruzione: quando stanno per salire le dittature, fra i primi atti messi in campo ci sono quelli di di bruciare i libri, chiudere i teatri, condizionarne le programmazioni, le scritture. Ricordiamoci che per mantenere quello che abbiamo (e per migliorarlo) dobbiamo tenerci  gelosamente questo pezzo della nostra storia, della nostra arte, della nostra cultura. E lo dobbiamo difendere giorno dopo giorno, altrimenti rischiamo che ce lo portino via".

     

    "E’ la prima volta – sono state le parole di Massimo Salvianti – nonostante che io sia dentro la programmazione del Niccolini da quando è rinato, che presento il programma. Una voce importante da quando la gestione è passata al Comune di San Casciano è quella della Fondazione Toscana Spettacoli, che cerca di equilibrare la stagione in base a tutte quelle voci che possano esserci nella programmazione teatrale italiana".

     

    "La cosa che ha sempre contraddistinto la nostra programmazione – ha sottolineato – è quella di un particolare interesse verso la drammaturgia contemporanea, verso le nuove scritture, magari anche scritture di classici. Ed è con una nuova scrittura di classici fatta da Ugo Chiti che noi cominciamo giovedì 14 e venerdì 15 novembre, con un "Pinocchio" con il quale abbiamo debuttato al Festival Teatrale di Borgio Verezzi".

     

    Fra gli spettacoli in cartellone (clicca qui per vederlo tutto) quello della Compagnia Xé del 24 gennaio, presentato da stata Julie Ann Anzilotti. “Variazioni Cromatiche” è una produzione Compagnia Xé, Milano Teatro Scuola Paolo Grassi, Regione Toscana MiBAC, Comune di San Casciano.

     

    “Variazione cromatiche – ha detto Anzilotti – nasce da un libro che si chiama "Crepacuore", della scrittrice fiorentina Monica Sarsini. Questo libro parla di indicazioni, di emozioni, di sentimenti, colori. E’ un lavoro che ho realizzato con nove danzatori usciti dalla Civica Scuola D’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, dove esiste un corso di Teatro Danza, l’unico in Italia; ci sono cinque maschi e quattro femmine, una cosa rarissima avere tutti questi maschi fra i 19 e i 24 anni!".

     

    "Uno spettacolo che mi piace consigliare – ha tenuto a dire – invitando gli spettatori a venire sedersi e nella maniera più leggera e tranquilla possibile, guardare e lasciare che i movimenti, i suoni, le luci e i costumi, le relazioni con i danzatori, creino un qualcosa che possa fare diventare lo spettatore attivo e non passivo". 

     

    Oltre ai vari spettacoli in abbonamento (l’opuscolo della stagione si può trovare presso la biblioteca comunale in via Roma 37, oppure alla segreteria del Teatro Niccolini via Roma 47, piano I° telefono 055 8256388, su www.teatroniccolini.it, segreteria@teatroniccolini.it) ci sono anche spettacoli fuori abbonamento.

     

    Il primo, martedì 31 dicembre, per uno strepitoso capodanno con “L’atletico Ghiacciaia”. Con Alessandro Benvenuti, Francesco Gabrielli. Produzione Arca Azzurra Teatro.  

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...