mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Presepe vivente alla Pieve di Decimo, successo clamoroso: tutte le immagini

    Oltre 70 figuranti hanno messo in scena una natività originale e coinvolgente: sfiorate le mille presenze

    SAN CASCIANO – Settanta figuranti hanno dato vita domenica 27 dicembre a un eccezionale presepe vivente negli spazi della Pieve di Santa Cecilia a Decimo, sfiorando la presenza di mille persone censite all’ingresso.

     

    Quest’anno con una sorpresa in più: una vera stalla situata accanto alla Compagnia della chiesa, dove Maria e Giuseppe con il Bambino Gesù, hanno accolto i visitatori.

     

    E’ stato creato un vero e proprio villaggio, con antichi mestieri, banchi con vari prodotti, una fattoria con animali, oltre all’osteria dove sono state sfornate focacce graditissime a bambini e adulti. E, per questi ultimi un buon vino brulé fumante, nonostante il tempo sia stato mite.

     

    Ognuno si è calato perfettamente nei loro ruoli con grande soddisfazione, anche da parte di don Massimiliano Gori, un validissimo “regista”.

     

    Dicevamo tante presenze, non solo dai vari comuni del Chianti, ma anche da Busto Arsizio, Grosseto, Siena, Prato, Fano, Pescara, Merano, Figline Valdarno, Empoli: insomma un gran successo che incoraggerà i volontari a dare qualcosa in più per il prossimo Natale 2016.   

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...