spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 24 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Primavera a teatro: la compagnia Cantiere Obraz mette in scena lo spettacolo “Cane” al Niccolini

    Per l'appuntamento, in programma sabato 18 marzo alle ore 21, saliranno sul palcoscenico gli attori Alessandro J. Bianchi, Michela Cioni, Paolo Ciotti, Thomas Harris, Mario Raz

    SAN CASCIANO – La stagione teatrale del Teatro comunale Niccolini di San Casciano saluta l’arrivo della primavera con lo spettacolo “Cane”, una produzione firmata da Cantiere Obraz, in programma sabato 18 marzo alle 21.

    Lo spettacolo, curato alla regia e all’adattamento da Alessandra Comanducci, è frutto della collaborazione tra il Comune di San Casciano e Fondazione Toscana Spettacolo Onlus, che insieme siglano da decenni la programmazione artistica e organizzativa dello stabile chiantigiano.

    L’allestimento invita il pubblico a compiere un viaggio e un’esperienza immersiva nel percorso di rinascita di un uomo, che però si conferma essere non tanto dissimile da quello precedente. 

    A farsi testimoni di questo processo, proposto in chiave ironica dalla compagnia fiorentina, sono gli spettatori che assistono alle diverse tappe del percorso di cambiamento, di una metamorfosi in realtà solo apparente del protagonista, rimasto immobile e immutato come nella precedente versione di sé.

    “Cane” pone al centro il concetto di uomo nuovo, l’occasione di una rinascita, una nuova primavera, la rivoluzione del genere umano.

    Ma “rivoluzione”, in astronomia, è un pianeta che fa un giro intorno a sé stesso tornando allo stesso punto di partenza ed è proprio quello che accade: l’uomo è sempre lo stesso e non si trasforma. Meglio un docile e simpaticissimo cane.

    Sul palcoscenico del Niccolini saliranno gli attori Alessandro J. Bianchi, Michela Cioni, Paolo Ciotti, Thomas Harris, Mario Raz.

    La scenografia è firmata da Thomas Harris, l’aiuto regia porta la firma di Antonella Longhitano mentre le luci sono opera di Diego Cinelli. Lo spettacolo è stato selezionato per la seconda fase di In-Box – Rete di sostegno del teatro emergente italiano 2022.

    Approfondimento

    Lo spettacolo

    In quello che una volta era il ricchissimo palazzo “Casa Kalabukhov”, all’indomani della Rivoluzione d’Ottobre si insediano un gruppo di inquilini proletari capeggiati da Svonder, direttore del caseggiato.

    Nello stesso stabile vive e lavora, il professor Preobraženskij, medico illuminato famoso in tutta Europa per i suoi esperimenti sul ringiovanimento, grazie al trapianto di ghiandole sessuali animali sugli uomini.

    La coabitazione fra le due realtà è difficile, ma sfugge totalmente al controllo, quando, in seguito dell’ultimo esperimento, il cane randagio Pallino, viene trasformato in un essere umano.

    La compagnia

    Cantiere Obraz è una compagnia teatrale fiorentina che si occupa di produzione e formazione teatrale. Dal 2008 ha la propria residenza artistica presso il Teatro di Cestello.  

    L’attività della compagnia si muove sotto una duplice spinta: il legame con una tradizione teatrale internazionale di matrice pedagogica russa e un’intensa attività di formazione e produzione teatrale per tutti, ma con una particolare attenzione alle giovani generazioni.

    L’obiettivo è quello di diffondere la cultura, creare un pubblico consapevole, amante del teatro e della cultura in genere, educare e insegnare la cooperazione fra gli esseri umani.

    Prezzi e prenotazioni

    Biglietto unico: 5 euro. Info: 3939829857 teatroniccolini@gmail.com – www.teatroniccolini.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...