spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cronaca di una notte terribile: testimonianze e racconti diretti di chi li ha avuti… fra le proprie mura

    SAN PANCRAZIO-CALZAIOLO (SAN CASCIANO) – Nottata di furti quella di lunedì 27 ottobre, che ha visto all’opera i ladri in via del Pian dell’Olmo (a San Pancrazio) e in via Borromeo, prima di arrivare al Calzaiolo.

     

    Ma partiamo da San Pancrazio, dove i ladri sono entrati in due appartamenti al piano terra e al primo piano.

     

    Mentre al primo piano sono riusciti forzando una porta a introdursi nell’appartamento e portare via alcuni oggetti (oro e banconote), il colpo più grosso è stato fatto a danno di due anziani.

     

    Sentiamo dal racconto di quest’ultimi cosa è successo: "Ieri sera (domenica 27) ho chiuso sia la porta a vetri sia la porta principale a chiave – ci racconta la signora ancora impaurita, tanto che ci parla attraverso un vetro – e siamo andati a letto. Quando questa mattina ci siamo svegliati, sono andata in cucina e nell’ingresso ho notato dei cassetti aperti così come le porte di casa aperte".

     

    "Quella interna – dice – aveva il cilindro per terra, mentre quella a vetri era stata forzata. Per terra sul pianerottolo i pantaloni di mio marito con il portafoglio e le scatoline dove tenevo gli oggetti in oro presi dalla camera".

     

    Dunque i ladri sono entrati in camera mentre dormivano: "E non ci siamo accorti di nulla. Il bello è che ci hanno portato via anche la televisione".

     

    Nella stessa via i ladri hanno tentato di mettere a segno altri colpi, solo che mentre stavano tentando di aprire un’altra porta, una signora ha sentito che i rumori (erano circa le 2) provenivano dal suo appartamento, così ha tirato su l’avvolgibile affacciandosi alla finestra.

     

    I ladri, sorpresi, hanno desistito puntando in faccia alla signora una pila. Abbagliandola e approfittando così per fuggire. La stessa signora ha detto di avere notato nel buio due persone che di lì a poco si sono allontanate a bordo di un’auto non identificata.

     

    La scoperta ha costretto i ladri a lasciare per terra anche la chiave di un’auto presa all’interno di un appartamento: non è quindi da escludere che sarebbe stato nelle loro intenzioni rubare anche il mezzo che era parcheggiato di fronte a casa.

     

    Del caso si stanno occupando i carabinieri della Stazione di San Casciano che hanno compiuto anche un sopralluogo. Non è da escludere che gli stessi ladri siano passati prima dal Calzaiolo, dove intorno alle 1.30 hanno tentato di entrare in più appartamenti passando dai garage.

     

    Cosa che per fortuna non è riuscita, o almeno solo in parte. Perché una volta in un garage non sono riusciti a fare saltare il cilindro della porta che va negli appartamenti, così prima di andare via hanno pensato bene di fare uno spuntino mangiando alcune banane.

     

    Nella stessa via, venerdì 24 ottobre i ladri erano riusciti a sfondare un vetro blindato portando via una catenina d’oro, e cercando anche in quel caso di rubare l’auto che era in garage, lasciando le chiavi del quadro acceso.

     

    Furto non riuscito perché non hanno trovato il comando per aprire il cancello automatico.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...