spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rai Storia alla scoperta di San Casciano: le telecamere di “Telemaco” sui luoghi di Niccolò Machiavelli

    L'approfondimento sarà trasmesso prossimamente sul canale 54 del digitale terrestre: saranno molti i contributi interessanti

    SAN CASCIANO – Le telecamere di Rai Storia (canale 54 del digitale terrestre) si accendono sulle vicende e i luoghi di San Casciano legati al grande intellettuale Niccolò Machiavelli, padre fondatore della scienza politica moderna.

    Che nel borgo di Sant’Andrea in Percussina trascorse il suo anno di confino, una volta persa la carica di segretario della Repubblica fiorentina.

    La narrazione sulle tracce dell’autore del “De Principatibus”, opera tra le più tradotte al mondo, viene svolta da uno dei quattro giovani storici nella nuova edizione di “Telemaco”, il magazine di Rai Storia.

    I diversi contributi sono incentrati sul viaggio nei luoghi e nelle storie che diventa racconto grazie anche ai testimoni, agli storici e ai portavoce di queste storie, custodi della memoria.

    Machiavelli uomo, politico, diplomatico, scrittore, filosofo, padre della ‘ragion di Stato’, nel borgo di Sant’Andrea in Percussina visse al confino per circa un anno e qui nel 1513 iniziò a comporre il suo capolavoro, “Il Principe”, nella villa di campagna posseduta dalla famiglia.

    Laura Carotti

    Per raccontare la permanenza di Machiavelli tra le colline di Sant’Andrea in Percussina – nella sua Casa (Museo), l’Albergaccio, tra lo scrittoio e gli spazi esterni del borgo, sono stati intervistati due storici, Daniele Conti e Laura Carotti, dell’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento.

    Il contributo di “Telemaco” su Machiavelli a Sant’Andrea in Percussina a San Casciano sarà trasmesso prossimamente sul canale 54 del digitale terrestre, Rai Storia appunto.

    Gli storici Daniele Conti e Laura Carotti hanno citato studi che dimostrano che quello di Machiavelli fu un ordine di confine che colpì l’intellettuale all’indomani del licenziamento da parte dei Medici.

    Richiamando la celebre lettera indirizzata all’amico Francesco Vettori, datata 10 dicembre 1513, Daniele Conti e Laura Carotti fanno emergere il volto umano dello scrittore e della sua vita in campagna, in solitudine e a contatto con il contado.

    Alle letture notturne di classici, indossati gli abiti aulici, Machiavelli alternò attività ludiche accompagnate da frequenti passaggi all’osteria, posta di fronte alla sua dimora, dove si intratteneva giocando a tric e trac.

    “Siamo felici del risalto che la Rai ha voluto dedicare ad una pagina significativa della nostra storia” dichiara il sindaco si San Casciano, Roberto Ciappi.

    “Ringraziamo la redazione – riprende – per aver scelto di costruire un accurato approfondimento sui luoghi, le memorie e i documenti che attestano e ripercorrono con i contributi degli storici l’importante legame che unisce il pensiero e l’opera di Niccolò Machiavelli al nostro territorio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...