spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Sì e No: un approfondimento”. Il dibattito sul referendum costituzionale

    Lo organizza il circolo Arci per la serata di martedì 25 ottobre, ore 21. Con De Siervo e Puccini

    SAN CASCIANO – Le ragioni del Sì, le ragioni del No. Tutti i soci, i frequentatori e la cittadinanza sancascianese sono invitati ad ascoltare, ragionare e dibattere sul tema del referendum costituzione, martedì 25 ottobre dalle ore 21.15 al circolo Arci di San Casciano.

     

    Ospiti della serata sono Ugo De Siervo, presidente emerito della Corte Costituzionale e Giusto Puccini, profossore di diritto pubblico dell'Università di Firenze che parleranno rispettivamente delle ragioni del No e delle ragioni del Sì.

     

    "Il 2016 è un anno importante per la nostra Repubblica – spiegano gli organizzatori dell'evento –  anno di ricorrenze e di impegno per il sistema democratico: si celebrano infatti il settantesimo anniversario della scelta repubblicana, compiuta con suffragio universale nel referendum il 2 giugno 1946, e l’inizio dei lavori dell’assemblea costituente (25 giugno).

     

    Accanto a questa rilevante eredità che la storia ci consegna, a dicembre saremo chiamati a votare per una delle più importanti riforme costituzionali che siano state fatte in questi 60 anni.

     

    Il circolo Arci di San Casciano intende portare il proprio contributo di approfondimento sulle importanti tematiche del referendum costituzionale del 4 dicembre.

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...