spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lo scrivono i renziani sancascianesi dopo la serata alla festa del Pd di Firenze

    SAN CASCIANO – Erano tanti anche i sancascianesi fra gli oltre duemila che ieri sera hanno affollato l'Obi Hall, a Firenze, per la serata di Matteo Renzi alla Festa democratica.

     

    E il giorno dopo alcuni di loro, tramite il gruppo Facebook San Casciano con Matteo Renzi, hanno fatto sapere il loro pensiero.

     

    "Oltre 2.000 persone ad ascoltare un trascinante Matteo Renzi – scrivono – E' sempre favoloso, e contagioso, l'entusiasmo che si respira in queste occasioni: che si chiami Big Bang, Campagna per le primarie o Festa democratica. Si sente un'elettricità, una voglia di cambiare le cose con serietà, ma anche con entusiasmo, ottimismo, innovazione".

     

    "Si vedono persone di tutte le età – proseguono – ma tanti, tanti ragazzi. Matteo ci ha parlato di Firenze, spiegato cosa è stato fatto (un numero impressionante di cose, faremo un post a parte per raccontarle, dati alla mano), di cosa non è stato ancora fatto, di cosa verrà fatto. Ci ha detto che tipo di Pd vuol costruire".

     

    E lo descrivono: "Un Pd che veda le opportunità e non solo le minacce , che abbia un sogno e non un incubo, un Pd che non butti via soldi e risorse a mantenere un apparato rigido di burocrati, ma che si basi sui volontari, militanti e su una rete di amministratori. Un Pd che sia una squadra ma che non abbia paura di una leadership. Perchè come nel ciclismo di cui vedremo presto a Firenze, sulle strade rifatte i mondiali ed i più grandi campioni, nel ciclismo è la squadra che aiuta il suo campione, e lo porta a vincere".

     

    "Ci ha raccontato l'Italia che vogliamo costruire – concludono – un'Italia che ha un patrimonio immenso e può e deve diventare un paese leader in Europa, partendo dalle cose concrete ma con l'ambizione che ti porti sempre più in alto. Un'Italia che faccia l'Italia, sfrutti il suo potenziale umano , ripartendo da scuola, cultura, lavoro. Ci ha detto di non essere renziani, ma di essere noi stessi, di voler incarnare il cambiamento. Dobbiamo essere il cambiamento che vogliamo, dobbiamo metterci in gioco".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...