spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rifiuti (pericolosi e non) bruciati in un campo a Fabbrica: denunciata una persona

    In un’area limitrofa erano in corso opere edilizie di ristrutturazione e adeguamento di alcuni locali: i carabinieri forestali hanno anche provveduto a sequestri

    FABBRICA (SAN CASCIANO) – I militari della Stazione carabinieri forestale di San Casciano, a seguito di segnalazioni di privati cittadini, si sono recati in via di Fabbrica (nel comune sancascianese) dove hanno rinvenuto in un terreno agricolo un cumulo di rifiuti parzialmente bruciati.

    L’area dove erano depositati i rifiuti è accessibile da una pista a fondo naturale che parte da un complesso immobiliare.

    Il cumulo rinvenuto era costituito da rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, tra i quali parti di vecchi mobili dismessi, pezzi di carta catramata, numerosi pallets di cui alcuni parzialmente bruciati.

    Pannelli e sportelli di truciolare anch’essi parzialmente combusti, spezzoni di forassiti e guaine isolanti, sacchi di plastica vuoti per malte e cementi per uso edilizio, parti di vecchi infissi.

    A seguito di accertamenti eseguiti dai carabinieri forestali è emerso che in un’area limitrofa erano in corso opere edilizie di ristrutturazione e adeguamento di alcuni locali.

    Al fine di interrompere lo smaltimento illecito di rifiuti tramite abbruciamento a terra, i militari hanno proceduto al sequestro penale dell’area e dei rifiuti in essa presenti.

    Le indagini hanno permesso di individuare una persona, che è stata segnalata all’autorità giudiziaria per violazione al Testo Unico Ambientale, in particolare dell’art 256 bis del D. Lgs. 152/2006.

    Ovvero, per avere smaltito illecitamente rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, tramite abbruciamento a terra.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...