spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il capocontrada della Torre ringrazia chi ha contribuito all’evento sul Poggione

    SAN CASCIANO – Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Cosimo Papini, capocontrada della Torre, dopo il grande successo del "Rock Tower Fest" sul Parco del Poggione nell'ambito della Notte Bianca sancascianese di sabato 22 giugno (clicca qui per vedere tutte le foto).

     

    Sono le 9 di mattina e già si corre. Da i' Giri che dall'alto di una scala ti passa le forbici a i' Pole, che si arrampica lungo la parete del palco per montare, più in alto possibile, quel vessillo giallo e verde che ci ha fatto incontrare. Ti passa accanto, veloce come il vento, Marcellino, s'infila i guanti ed inizia ad aiutare i' Pole. Poi il Santa e il Bagnols con un tavolo in mano.

     

    A questo punto penserete che io viva nel paese dei puffi, o che sia completamente matto!? E invece sono solo circondato da persone che mi sono amiche, perciò i nomi, si sono trasformati in buffi soprannomi.

     

    Sul Poggione serve farsi "il mazzo", stiamo allestendo il Rock Tower Fest. Si lavora in armonia, c'é il tempo per ridere e scherzare, ma si continua a correre con un unico scopo, godere di una serata indimenticabile.

     

    L'Ila (la mia dolce metà) è in giro per il paese con i figli di' Giri (Gionni e Pippo) ad attaccare altri cartelli, frecce, perché stasera vogliamo che il Poggione esploda di gente. Stridono le gomme di un furgoncino, è Fabione che ha portato la botte: "Ma quale botte, l'è una barricca!!!" esclama lui.

     

    Cavallo penso io (espressione che abitualmente uso per salutare chiunque), ma quale cavallo (senza offesa per i miei amici bianco/neri)!? Questo è Torrigiano purosangue, anche se è con noi solo dall'ultimo Carnevale.

     

    Il Teddy è forse l'ultimo ad apparire in mattinata, non ricordo, ma l'importante è esserci e lui, è l'ennessima garanzia di giornata. Arrivano le 13.50, andiamo a mangiare un boccone a casa della Giri's family.

     

    Alle 14.30 siamo di nuovo tutti in pista e come mi affaccio in cucina, scopro l'orda delle nostre meravigliose cuoche che ha già invaso ed aggredito i fornelli. Sandra, Paola, Ornella, Assuntina (altro nuovo acquisto che spero di rivedere prestissimo), Elisa, Anna, Giovanna, Debora e… scusate se ne dimentico qualcuna, ma siete veramente troppe, oltre che troppo brave, troppo dolci, troppo belle. Siete il cuore della festa e questo non può negarlo nessuno, voi che non riuscite a vedere mai niente se non i vostri "adorati" fornelli.

     

    Anche le ragazze sanno che oggi c'è bisogno di dare una mano, così ad affettare verdure vedo la Vale e la Viola, la Glenda, la Marty e la Stefy. Qualcuna è così veloce a fare spiedini che sembra non abbia fatto altro nella vita.

     

    Rintrona la pedana del tendone, è arrivato i' Gommaio, col suo passo felpato. Mi domando se ci sia bisogno di dirgli qualcosa ma…..è già al lavoro, cavallo!!! E dai, scusate è "deformazione professionale", TORRIGIANO!!!

     

    Abbraccio Dieghino, aveva la polmonite fino a pochi giorni fa, eppure oggi vuol esser presente!!! Purtroppo oggi è malata l'Alessia, la sua ragazza, però ci sono la Caterina e la Valetina P., grandissime….tutti all'opera per organizzare il buffet!!!

     

    Oggi ci sono altri due nuovi acquisti, Guido e la Sofia, la nipote di 'Nando e della Billi, e il suo ragazzo. Lei e la zia pensano a sistemare la cassa, Guido sistema piatti, bicchieri, corre, si muove con passo deciso, bravo!!! I' Nando lavora fino a tardi, ma apparirà dietro il bancone del bar durante la serata…

     

    In cucina si muove un losco figuro in camicia bianca, l'è Chiodo, ancora non siamo a niente e già sorride e c'incoraggia, mitico.

     

    Arriva Teleregione, ciack!!! Si gira, grazie all'aiuto di tanti meravigliosi commercianti di San Casciano e dintorni. L'elenco è troppo lungo, lo troverete nei titoli di coda della trasmissione Viaggi nel Verde.

     

    Mentre le band stanno facendo il soundcheck, arriva la Giovy (Giri's wife), anche lei, nonostante ci sostenga da tanto, è al primo servizio, altro grande "acquisto".

     

    Ore 18.30, finalmente arriva Sordi dj's, m'ha fatto penare, è in ritardissimo, monta la console ed io inzio a sentire tutta l'adrelina delle grandi occasioni.

     

    Ore 19 arrivano i primi ospiti e con loro Michele, Dynamico, per la raccolta fondi che tutte le contrade hanno deciso di sostenere nel corso dei loro eventi a favore di Dynamo Camp (a fine serata oltre ai 200 euro che le contrade hanno donato, ne saranno raccolte altre 163,57 per un totale di 363,57 euro).

     

    Ore 20, l'aperitivo è partito, salgo sul palco con tutti gli altri Capi Contrada e con Michele, presentiamo l'iniziativa per Dynamo.

     

    Ore 20.15 adesso alziamo i toni…UN GIORNO ANCHE LA GUERRA S'INCHINERA' AL SUONO DI UNA CHIATARRA (Jim Morrison)…il resto è storia già scritta nella memoria di questo paese, il resto è ROCK TOWER FEST!!!

     

    Grazie TORRIGIANI…grazie San Casciano…grazie al Gazzettino del Chianti per l'ottima collaborazione… grazie all'assessore Roberto Ciappi… grazie al Service Sganzisgatto… grazie a tutte le band, Estromaldestro, Neuro feat. Larissa, Sweet Childrens, Mass Media, No Name (vincitori per il secondo anno consecutivo).

     

    Rock Tower Fest 2013…CHE GODURIA!!!

    P.S. ringraziamo anche tutti i Contradaioli che ci hanno aiutato ad organizzare l'evento ma che per altri impegni non hanno potuto presenziare alla serata, vi rifarete il prossimo anno!!!

     

    Cosimo

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...