spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 25 novembre la comunità di San Casciano ricorda le donne vittime di violenza

    Tanti gli eventi organizzati dal Comune in occasione della "Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne": il programma

    SAN CASCIANO – Non sarà solo il rosso delle scarpette e delle panchine a rappresentare il simbolo visivo del contrasto alla violenza di genere in occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne” proposta dal Comune di San Casciano.

    Ci sarà anche il bianco delle luci che ogni cittadina e cittadino potrà portare e accendere in via Machiavelli, davanti al palazzo comunale per unirsi al segno istituzionale e collettivo di denuncia contro ogni forma di violenza.

    E’ attesa per sabato 25 novembre alle ore 19 l’iniziativa di condivisione che l’amministrazione comunale ha organizzato con l’accensione di 106 lumini per rievocare le identità e i sogni spezzati delle altrettante vittime che hanno perso la vita per mano di uomini.

    Una ricorrenza che quest’anno acquisirà un accento di amarezza e dolore ancora più profondo e intenso per l’uccisione della giovane Giulia Cecchettin causata dal fidanzato.

    “Siamo tutte Giulia – spiega il sindaco Roberto Ciappi –  Nel il sit-in che abbiamo organizzato nell’intento di salutare Giulia ed esprimere con forza il nostro no alla violenza sulle donne, abbiamo scelto di coinvolgere attivamente la nostra comunità”.

    “Perché riteniamo che la violenza maschile sulle donne – riprende – che prevarica sulla vita e i desideri delle donne, non si limiti ad una questione privata, ma ad una responsabilità collettiva che ci invita ad agire con determinazione nel ridefinire i modelli delle relazioni tra uomini e donne”.

    Rosso, bianco e tanti altri sono i colori, insieme ai suoni, alle voci, che si moltiplicheranno in biblioteca e in teatro per sensibilizzare sulla violenza di genere, offrire occasioni di riflessione e innescare un necessario percorso di cambiamento.

    Tra gli scaffali di via Roma sabato 25 novembre alle ore 17 si terrà un dialogo con la scrittrice Maria Grazia Anatra che presenterà tre libri: “Possiamo tenerlo con noi?” di Maria Grazia Anatra e Serena Mabilia, Matilda Editrice 2018, “La bambina che aveva parole” di Maria Grazia Anatra e Sonia Maria Luce Possentini, Matilda Editrice, 2020.

    E “Violenza assistita e percorsi d’aiuto per l’infanzia. Proposte di attività attraverso un approccio narrativo” di Iacopo Bertacchi, Silvia Mammini e Maria Grazia Anatra, Edizioni Erickson, 2022.

    Domenica 26 alle ore 17 il palcoscenico del Niccolini accoglierà il Concerto del Coro femminile del Maggio Musicale Fiorentino. Ingresso gratuito.

    Mercoledì 29 novembre alle ore 21 la biblioteca comunale ospiterà la proiezione del documentario “Violenza Invisibile. Abusi culturali e fisici sulle donne”, seguita dal dialogo con la regista di Silvia Lelli.

    Sabato 25 novembre anche i commercianti del Centro commerciale naturale La Dolce Gita e gli ambulanti che saranno a San Casciano per l’intera giornata (dalle ore 9 alle ore 18) in piazza della Repubblica e viale Garibaldi per il Mercato dell’antiquariato e del vintage proporranno momenti di rievocazione simbolica.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...