spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 17 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano, cade un altro pedone in piazza Pierozzi: qui le pietre della pavimentazione ormai sono “trappole”

    Una donna di Chiesanuova, in paese per fare la spesa: sono molte ormai le pietre rotte o consumate, che formano dei veri e propri pericoli in agguato. Soprattutto per chi cammina male

    SAN CASCIANO – Ancora una caduta di un pedone in piazza Pierozzi. E’ successo nella mattina di giovedì 4 agosto.

    Stavolta a farne le spese, senza per fortuna conseguenze serie, è toccato a una signora residente a Chiesanuova, che era venuta in paese per fare la spesa.

    E che quando è arrivata sotto la Torre dell’Orologio è inciampata in una delle pietre consumate, che formano degli “scalini” quasi invisibili.

    Una vera e propria trappola in agguato, in particolare per le persone di una certa età, o per quelle che hanno qualche problema nel camminare. Che rischiano seriamente di inciampare.

    La donna, che con una mano tirava il carrellino della spesa ed era diretta in via Roma, è andata giù sotto gli occhi di alcuni passanti, che subito si sono sincerati delle sue condizioni.

    “E’ andata bene, ho battuto un po’ la testa, ma per fortuna non mi sono fatta nulla” ha detto ringraziando i soccorritori.

    “Una situazione simile l’abbiamo a Chiesanuova – ha raccontato ancora – lungo la Strada Provinciale Volterrana”.

    “Dove il marciapiede – ha concluso – fatto di assi di legno, è bellino ma poco pratico. In alcuni punti le assi sono sconnesse, e anche lì se non si sta attenti è facile cadere”.

    Tornando a San Casciano, in effetti nella parte centrale di piazza Pierozzi sono molte le pietre che andrebbero sostituite.

    Onde evitare che residenti e turisti possano cadere sul selciato.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...