spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano rievoca la Liberazione. Domani omaggio a Rosanna Tacci

    Il sindaco Roberto Ciappi: "Cogliamo l'occasione per rinnovare il ricordo ed esprimere la nostra più sincera gratitudine al popolo neozelandese"

    SAN CASCIANO – Settantanove anni fa, avanzando eroicamente nella campagna fiorentina in cui imperversavano i cannoneggiamenti tedeschi a danno delle comunità e dei territori chiantigiani, le truppe alleate liberarono San Casciano.

    Giovani, adulti provenienti dall’altro capo del mondo, la Nuova Zelanda, combatterono determinati e pronti al sacrificio, consapevoli dei gravi rischi di perdita, dolore e morte, cui sarebbero andati incontro sul campo di battaglia.

    La conquista della libertà pagata a caro prezzo con la vita stessa, con il sangue versato per difendere e affrancare gli oppressi.

    È così che le truppe del 28esimo mattaglione neozelandese, di cui fecero parte i guerrieri Maori, si unirono e si immolarono  alla causa, facendo proprio il desiderio di riscatto di un’intera umanità.

    Far prevalere la democrazia sulle sofferenze discriminatorie, tornare alla vita e provare a ricostruirne le basi sulle macerie di un paese devastato, piegato dalla barbarie nazifascista.

    L’amministrazione comunale di San Casciano rievoca e ripercorre gli accadimenti del 27 luglio, giorno della Liberazione del comune chiantigiano, con una serata speciale in programma il 27 luglio alle ore 21.30 nell’arena dentro le mura.

    A Rosanna Tacci, figlia del calzolaio antifascista Dante Tacci, testimone preziosa delle drammatiche vicende che legano San Casciano al secondo conflitto mondiale, attiva promotrice della storia e della cultura della memoria, sarà conferito il Premio Machiavelli da parte del sindaco Roberto Ciappi e del presidente del consiglio comunale Francesco Volpe.

    Successivamente Marco Di Costanzo, Stefano Parigi e Monica Santoro interpreteranno il reading “Lighthouse_#2 Noi ritorneremo”, tratto da “La resistenza a Firenze” di Carlo Francovich a cura del Teatro dell’Elce, suono di Andrea Pistolesi. Ingresso libero.

    “San Casciano e il Chianti fanno parte nella storia civile e militare neozelandese – dichiara il sindaco Roberto Ciappi – la relazione che ci unisce e ci lega a questo popolo è profondo, cogliamo l’occasione per rinnovare il ricordo ed esprimere la nostra più sincera gratitudine”.

    “Mi preme sottolineare – conclude – i numeri dei soldati che hanno pagato con la vita il prezzo per la nostra libertà: 640 Maori morirono per liberare l’Italia, 1.700 furono i feriti e 240 i prigionieri”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...