spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A sancire la sua vittoria i circoli delle frazioni (in particolare Cerbaia): i commenti dei comitati

    SAN CASCIANO – E' San Casciano l'unico comune nel Chianti nel quale, alle cosiddette "pre-primarie" fra gli iscritti del Partito democratico, ha vinto la mozione che sostiene Gianni Cuperlo come segretario nazionale del partito.

     

    Undici i voti di scarto (71 contro 60) nei confronti di Matteo Renzi. Staccatissmo Pippo Civati con 11 schede con il suo nome.

     

    E sono stati i due circoli delle frazioni a sancire la vittoria "cuperliana"; in particolare quello di Cerbaia, con un decisivo 22 a 9. Nel capoluogo invece, situazione ribaltata: con 5 voti di distacco a favore di Renzi.

     

     

    CIRCOLO Cuperlo Renzi Civati
    San Casciano 36 41 5
    Mercatale 13 10 3
    Cerbaia 22 9 3
    TOTALE 71 60 11

     

     

    "Siamo veramente contenti del risultato di San Casciano, dove gli iscritti al Pd hanno votato a maggioranza per Gianni Cuperlo segretario, in controtendenza col dato nazionale" sottolinea la coordinatrice del comitato "cuperliano" Camilla Lumachi.

     

    "A San Casciano – dice ancora – i militanti hanno scelto il vero rinnovamento, la politica con la P maiuscola. Il voto a Cuperlo premia il lavoro collettivo, la scommessa su un nuovo modo di far politica fatto di regole e rispetto, fatto di progetti chiari per il futuro".

     

    Un voto che, secondo Lumachi, "premia l'approfondimento dei temi e la forte connotazione a sinistra delle tesi proposte nel suo documento. Grazie a chi ci ha votato e non è caduto nella trappola della politica urlata".

     

    Dichiarazioni, quelle di Lumachi, che non si prestano ad equivoci: "Una trappola – prosegue – che lascia in verità una delega in bianco a Renzi in nome di un progetto politico poco chiaro e senza dubbio di grande conservazione rispetto alla politica della seconda Repubblica. Fatta dai partiti dei leader, senza più bandiere".

     

    "Grazie dunque – conclude – ai sancascianesi per essersi distinti ancora una volta. E un invito sentito a tutti a visitare il sito del Pd per leggere i documenti congressuali prima di votare alle primarie dell'8 dicembre".

     

    Di tutt'altro avviso (ovviamente) le valutazioni del Comitato San Casciano per Matteo Renzi: "Il risultato di San Casciano – dicono – è per noi davvero un grande risultato. Tanta la soddisfazione nel capoluogo, dove la mozione Renzi vince su quella di Cuperlo, ma siamo contenti anche per i risultati di Cerbaia e Mercatale dove il cambiamento incontra ancora qualche resistenza, almeno tra gli iscritti".

     

    "Per questi risultati – tengono a dire – il Comitato San Casciano per Matteo Renzi ringrazia tutti gli iscritti ai circoli del Pd del territorio e sopratutto coloro che hanno votato Renzi. Ci aspetta ora un entusiasmante percorso che ci porterà all'8 dicembre, che ci vedrà impegnati a richiamare al voto coloro che hanno votato alle primarie del 2012  e chiunque abbia voglia di esserci".

     

    "Per noi – concludono – l'occasione del congresso è una grande opportunità per confrontarci, discutere sul futuro del nostro partito e sul futuro del nostro Paese. E accogliere quella richiesta forte di cambiamento che arriva dai nostri elettori. E che, forse, non è stata presa nella giusta considerazione, visti i risultati delle elezioni del febbraio scorso".

     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...