spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Pancrazio: Fabrizio Fusi acquisisce 200 ettari di terreno. Al lavoro su viti e olivi

    Insieme al "palagio", rilevato anch'esso, costituivano una parte della Tenuta Il Corno: "Privilegeremo la parte agricola, siamo già al lavoro"

    SAN PANCRAZIO (SAN CASCIANO) – Una scelta molto precisa, che mira a investire in agricoltura.

    L’azienda agricola Il Pino, di proprietà del tavarnellino Fabrizio Fusi, uno dei maggiori imprenditori toscani nel settore oleario e agro alimentare, ha rilevato nei mesi scorsi 200 ettari di terreno a San Pancrazio, nel comune di San Casciano.

    Ettari che facevano parte della Tenuta Il Corno. Insieme a questi, a livello immobiliare è stato rilevato anche il “palagio”, che è inserito in questi terreni, e una confinante casa colonica.

    Nel contesto immobiliare anche un vecchio frantoio che però, ci spiega l’imprenditore, “verrà dismesso”.

    “Duecento ettari di terreno – ci conferma Fusi – che guardano sia il versante di Montespertoli-Fornacette (150) che quello di San Casciano (50)”.

    Parliamo, spiega ancora Fusi, “di una quarantina di ettari di olivi e una trentina di ettari di vigne, abbastanza malmessi. E di tanti terreni abbandonati”.

    L’obiettivo è già sul tavolo, e ce lo indica lo stesso Fusi: “Vorrei privilegiare la parte agricola, voglio ri-organizzarla, piantando viti e olivi. Se cerchiamo manodopera? Sicuramente. Al momento ad esempio abbiamo bisogno di un bravo trattorista”. 

    “Sono stato invogliato – aggiunge Fusi – anche dal fatto che lì c’è il Leccino del Corno, una varietà di olivo molto interessante”.

    “Che potrebbe avere sviluppi – conclude – sia dal punto di vista agricolo che commerciale. Ma questo lo vedremo in futuro: intanto… siamo al lavoro”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...