spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’istituto di credito diffonde i dati semestrali: “Cresciamo e ci radichiamo nel territorio”

    SAN CASCIANO – Una banca solida e dinamica: e a certificarlo sono i dati del primo semestre 2013 diffusi da ChiantiBanca, l'istituto di credito cooperativo con il quartier generale a San Casciano.

     

    "L'utile netto dei primi sei mesi del 2013 – spiegano da ChiantiBanca – è pari a 4,082 milioni di euro, indicatori di patrimonializzazione perfettamente in regola anche con Basilea 3 (Core Tier1 ratio e Total Capital ratio rispettivamente al 12,86% ed al 13,26%). Il patrimonio netto ammonta ad oltre 205,5 milioni". 

     

    "Relativamente allo stato patrimoniale – proseguono – i crediti verso la clientela – allo scorso 30 giugno – hanno registrato un valore dell’aggregato pari a 1.533 milioni di euro (+16 milioni rispetto al 31 dicembre 2012, pari all’1,06% in più). Un risultato soddisfacente, anche nel confronto con il sistema.  Nonostante le forti avversità del contesto di riferimento, il nuovo credito erogato  nel primo semestre 2013 ha raggiunto i 257,8 milioni di euro, testimonianza della ferma volontà della banca di proseguire nel ruolo di sostegno alle famiglie ed alle piccole  e medie imprese nella difficile congiuntura attuale".    

     

    "Risultati – tengono a dire da ChiantiBanca – che sottolineano la solidità della banca e l’impegno nei confronti del territorio. E che assumono importanza ancora maggiore se inseriti nel contesto di una situazione economica complessivamente ancora molto difficile. Di assoluto rilievo il dato relativo alla raccolta da clientela, che cresce di 71,4 milioni (+ 3,92%), attestandosi sul valore di 1865 milioni di euro".  

     

    "Nello specifico del conto economico – proseguono – il margine d'interesse evidenzia un risultato semestrale pari a 20 milioni di euro, in incremento (160 mila euro, + 0,8%) rispetto al primo semestre 2012. L’andamento delle commissioni nette (+ 3,4%) è risultato in crescita rispetto al 30 giugno 2012. Il Margine di Intermediazione raggiunge i 40 milioni di euro, in forte crescita (+ 20%) rispetto al 2012". 

     

    "Per quanto riguarda la qualità del credito – si evidenzia – le sofferenze sono (come in tutto il contesto bancario italiano) in crescita e rappresentano, come valore netto, il 2,86% dei totale crediti.  Da evidenziare tuttavia le rigorose politiche di copertura attuate dalla banca che fanno registrare indici di "coverage" su sofferenze ed incagli, rispettivamente al 50% e 29% (inclusi gli impegni assunti dal Fondo di Garanzia dei Depositanti)". 

     

    Capitolo costi: "Il bilancio di metà anno evidenzia costi operativi pari a 19 milioni, con una riduzione dell’1% rispetto al primo semestre 2012. Ancora in miglioramento l’indicatore di efficienza, il “cost/income ratio”, che è pari al 47,3%. In crescita anche gli indici di produttività e redditività, con un margine di intermediazione per dipendente che fa segnare un + 18%".

     

    Insomma, come si tiene a sottolineare, "i dati incoraggianti appena citati su indici di coverage e produttività, sono un chiaro segno di come la banca stia assorbendo positivamente ed nei tempi programmati l’acquisizione dell’ex Credito Cooperativo Fiorentino". 

     

    “In un contesto generale che ancora non dà chiari segnali di ripresa – dice il direttore generale di ChiantiBanca, Andrea Bianchi – il nostro istituto, come attestano i risultati della semestrale 2013, dimostra di sapersi consolidare anche dopo il salvataggio dell'ex CCF e continua ad evidenziare con i fatti la crescita del radicamento territoriale in tutte le comunità in cui opera”.

     

    “ChiantiBanca – aggiunge il presidente Claudio Corsi – conferma il ruolo di banca delle comunità ed anticiclico, con scelte che privilegiano una vera attenzione a soci e clienti, con un costante riferimento a concetti come solidarietà, cooperazione e partecipazione, vero fondamento dell’impegno delle Banche di Credito Cooperativo”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...