spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La serata con il candidato al Parlamento Europeo Nicola Danti, sindaci e candidati sindaco

    SAN CASCIANO – Moltissime persone hanno riempito ieri sera la Sala della Cupola del circolo Acli di San Casciano, in occasione della serata organizzata dai Giovani Democratici del Chianti in vista delle elezioni Europee del 25 maggio.

     

    Ospite principale è stato Nicola Danti, renziano "doc", consigliere regionale e uno dei candidati toscano del Pd  al Parlamento Europeo.

     

    A rompere il ghiaccio sono stati proprio i Giovani Democratici: ognuno di loro ha presentato un tema (dall’immigrazione all’esercito europeo) o la sua idea di Europa.

     

    Il successivo intervento di Nicola Danti è stata dedicato al tema delle opportunità che l’Europa offre ai giovani. Oltre a ricordare l’importanza dell’Erasmus, simbolo dell’unità europea, ha proposto la realizzazione di un vero e proprio Servizio Civile Europeo.

     

    Hanno quindi preso parola i sindaci e i candidati sindaco del Chianti presenti alla serata: prima Alessio Calamandrei, sindaco di Impruneta, poi Paolo Sottani, candidato sindaco di Greve in Chianti.

     

    Infine Luciano Bartolini sindaco di Bagno a Ripoli e Massimiliano Pescini, sindaco di San Casciano, in corsa per il secondo mandato.

     

    L’idea di fondo che è emersa dai loro interventi è quella della ricerca di una maggiore sinergia tra i Comuni del territorio, in modo da rendersi maggiormente competitivi sul mercato europeo e mondiale.

     

    Con un gioco di parole, riprendendo l’intervento di Nicola Danti che sogna gli “Stati Uniti d’Europa”, Paolo Sottani abbia proposto l’istituzione degli “Stati Uniti del Chianti”, come metafora di sinergia e collaborazione.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...