spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bellissima serata, fra sorrisi e vestiti: stasera si replica con apericena a tema

     

     

    MONTEFIRIDOLFI (SAN CASCIANO) – Ci avevano provato (riuscendoci alla grande) in una delle scorse edizioni, sfilando con i vestiti da sposa delle madri. Ci sono riuscite di nuovo nella serata di giovedì 18 luglio, sfilando con i vestiti degli anni '70 e '80.

     

    Perché c'è un paese, Montefiridolfi, che fa della sensibilità, dell'impegno di tanti (quasi tutti), della voglia di stare assieme, un punto centrale. Lo si vede durante tutto l'anno, lo si nota ancor di più nei giorni della Festa di Santa Cristina, che giovedì sera ha visto appunto sfilare le ragazze del paese vestite con abiti scovati negli armadi più… nascosti.

     

    Indossati dalle madri, dalle zie, dalle sorelle. E portati con grazia e ironia da queste ragazze speciali, che senza prendersi mai sul serio sfilano in mezzo agli applausi di tutto il paese. Bellissime e sorridenti: tutte. Sostenute a aiutate da chi, dietro le quinte, ha seguito tutto: dal trucco, al parrucco, alla… vestizione. Bravissime anche loro.

     

    La carrellata di foto che trovate qui sopra, scattate e gentilmente concesse da Paolo Ermini (foto p@olo) racconta tutto questo.

     

    E stasera si replica, con l'apericena a tema anni '70 e '80: tutti insieme, rigorosamente vestiti "ammodino". Infine, sabato 20 luglio finale dei tornei di pallavolo e calcetto con pizza a cena; domenica 21 luglio tradizionale processione di Santa Cristina mentre il 22 luglio cena finale con tutti i volontari al circolino montigiano.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...