spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sicurezza stradale. Arrivano cinque “zone 30” nel territorio sancascianese

    Nel capoluogo e nelle frazioni di Spedaletto, La Romola, Mercatale, Chiesanuova: ecco quali sono le vie interessate

    SAN CASCIANO – Miglioramento della sicurezza stradale nei borghi e nelle aree di campagna di San Casciano.

    Il Comune realizza una nuova azione che mira a rendere più vivibili i centri abitati con l’attivazione di cinque “zone 30” distribuite tra il capoluogo e le frazioni.

    È un provvedimento, approvato dalla giunta dell’Unione comunale del Chianti Fiorentino e prossimo all’entrata in vigore con una specifica ordinanza della polizia locale, a stabilire l’istituzione del limite massimo di velocità di 30 km orari in alcune vie del territorio.

    Nello specifico la velocità massima non potrà superare tale soglia in via Dante Alighieri, da via delle Rose all’ingresso della piscina nel capoluogo, nel capoluogo, in via Scopeti, zona Spedaletto, dal civico 16 al civico 40, via Treggiaia nella frazione de La Romola, dal civico 3 a via Giardini del Tramonto, e via Nunzi, a Mercatale Val di Pesa, dal civico 16 a via Calamandrei, via Faltignano, in località Chiesanuova, da via Risorgimento a via Guido Rossa.

    “La scelta di introdurre varie zone 30 nel nostro comune – dichiara la vicesindaca Elisabetta Masti – è dipesa dalla necessità di ridurre la velocità delle auto e l’impatto che la circolazione stradale può avere sull’ambiente urbano”. 

    Per l’amministrazione comunale sono tanti i benefici determinati da questa forma di intervento urbanistico, realizzata in aree circoscritte del territorio sancascianese, funzionali alla moderazione del traffico.

    Elisabetta Masti

    “Le zone 30 sono utili a diminuire la velocità – aggiunge la vicesindaca – e dunque a limitare i rischi cui si espongono sia gli automobilisti sia i pedoni, sto pensando in particolar modo alle fasce deboli della popolazione quali bambini, anziani, ciclisti, disabili”.

    “Non solo – continua – si ottiene anche una riduzione del rumore, un luogo meno inquinato dal rumore è sicuramente più vivibile per tutti, inoltre migliora la fluidità del traffico e dunque, riducendo l’esigenza di fermarsi e ripartire, abbatte il livello delle emissioni di Co2 in atmosfera, fa bene all’ambiente e lascia maggiore spazio ai pedoni e ai ciclisti”.

    Altri interventi sono previsti per migliorare la sicurezza stradale, come sottolinea l’assessore ai lavori pubblici Niccolò Landi.

    “Il progetto delle “zone 30″ è inserito in un più ampio quadro di opere pubbliche – spiega l’assessore – volte ad incrementare la sicurezza stradale che prevede una serie di attraversamenti rialzati la cui progettazione è quasi ultimata”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...