spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sonia e Paolo: sposi in un lunedì mattina. E per pranzo… porchetta e lampredotto al mercato

    In palazzo comunale il sindaco Roberto Ciappi li ha uniti in matrimonio. Poi, una camminata lungo viale Garibaldi e pranzo con amici e parenti al furgone di Sonia e Andrea Mannini

    SAN CASCIANO – A sedici anni da quando si sono conosciuti, nella mattina di oggi, lunedì 4 dicembre, Sonia e Paolo si sono sposati nel palazzo comunale di San Casciano.

    Entrambi parrucchieri (lui in pensione da qualche anno, lei ancora in attività) la “scintilla” del loro amore si è accesa quando ancora lavoravano insieme. Tra uno shampoo, un taglio, un colore e… una messa in piega.

    Così, nella mattina di oggi (il lunedì mattina è giorno di chiusura per i parrucchieri) hanno salito le scale del municipio.

    Dove ad attenderli c’era il primo cittadino, Roberto Ciappi, che li ha uniti in matrimonio.

    Dopo il momento più emozionante, insieme ai familiari più stretti, nella semplicità più assoluta, è arrivato il rito del pranzo.

    Un “banchetto” davvero unico nel suo genere. Perché sebbene in una giornata gelida, e con il sole che stentava a venire fuori dalle nuvole, hanno pensato di incamminarsi per viale Garibaldi.

    Dove, approfittando del giorno di mercato settimanale, hanno scelto tutti insieme di andare a mangiare panini con la porchetta e con il lampredotto al banco degli amici, Francesca e Andrea Mannini.

    Aspettando il loro turno, sposi e parenti hanno così gustato il classico panino del “lunedì di mercato”.

    E per il brindisi? Nessun problema. Al posto dello spumante è stato servito un ottimo vino rosso all’interno di un bel fiasco impagliato!

    A Sonia e Paolo vanno anche i più sinceri auguri da parte della redazione del Gazzettino del Chianti.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...