spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “L’auto l’ho ritrovata una settimana dopo. Le gabbie gettate a Faltignano invece… sono sparite”

    Nella notte di sabato 19 gennaio, ignoti a bordo di un pick up rubato, sfondavano la saracinesca del bar tabacchi sulla via Volterrana a Chiesanuova (clicca qui per leggere l'articolo), e una volta mandata in frantumi la porta, in pochissimi minuti caricavano sopra il mezzo due slot machine, una macchinetta scambia soldi e la cassa (vuota), fecendo perdere le tracce. 

     

    Il mezzo era stato rubato a Montagnana, parcheggiato regolarmente dal proprietario in una piazzetta poco distante l’abitazione. Ebbene, i ladri per compiere il colpo e poter caricare le macchinette, scaricarono prima della spaccata, due grosse gabbie in alluminio adibite al trasporto dei cani da caccia lungo la strada, in località Faltignano (clicca qui per leggere l'articolo). Gabbie dal costo di millecinquecento euro l’una.

     

    Abbiamo cercato di ricostruire con il proprietario del mezzo l’odissea che ha vissuto: sia per il furto e i danni causati al pick up, sia per la perdita delle gabbie. Abbandonate infatti dai ladri, sono state rubate da qualcuno prima che il legittimo proprietario ne tornasse in possesso.

     

    "Del furto del pick up – racconta – me ne sono accorto la mattina di sabato 19 gennaio. Essendo un mezzo che uso in prevalenza per andare a caccia era fermo da giorni nel parcheggio.  Dopo aver fatto la denuncia ai carabinieri, ho provato a girare nei dintorni per ritrovarlo, naturalmente senza nessun esito",

     

    "Solo quando un mio amico ha letto sul Gazzettino della presenza di due gabbie per il trasporto dei cani abbandonate a Faltignano: – prosegue – c'è stata la svolta. Ho visto le foto riconoscendole, erano proprio le mie, tra l’altro per terra c’erano anche i miei stivali. Ma quando sono arrivato sul posto, purtroppo le gabbie non c’erano più. Ho provato così a sentire qualcuno, magari se erano state portate al sicuro da qualche parte, ma niente da fare, sono sparite".

     

    Il pick up invece, racconta ancora, "è stato ritrovato dopo circa una settimana dalla spaccata del bar di Chiesanuova. Era in una strada di campagna poco fuori Sant’Andrea in Percussina, in mezzo agli ulivi. E per terra c’erano anche le slot machine scassinate. Sono stati i carabinieri, dietro la segnalazione di alcuni residenti, a chiamarmi per riprendere il mezzo".

     

    Danni? "Di preciso ancora non saprei – risponde – sicuramente ingenti, sfondare una saracinesca in retromarcia a tutta velocità… lascio immaginare come sia ridotto il mezzo, anche se sono riusciti a ripartire".

     

    C'è però anche tanta rabbia: "Se ero stato avvisato in tempo, avrei  potuto recuperare anche  le gabbie. Se chi le ha prese in qualche maniera me le può restituire, perché sono in grado di riconoscerle grazie a dei segni particolari, farebbe la cosa giusta. Sarebbe davvero antipatico se una volta individuate dovessi fare una denuncia. Non vorrei davvero arrivare a tanto".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...