spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ombretta e Valentino: sabato 29 luglio si sposano. L’amore è una cosa semplice

    Alla vigilia del loro giorno dei giorni, i due ragazzi raccontano la loro storia al Gazzettino del Chianti

    SAN CASCIANO – “L’amore è una cosa semplice”: chi non ha ascoltato questa canzone pensando “magari lo fosse”?

    Certe storie testimoniano invece che l’amore può ancora esserlo. Ti colpisce all’improvviso, addirittura sul ciglio di una discoteca, dove pensiamo che le persone approdino in cerca di storie frivole, a ostentare la loro apparenza.

    Ombretta Franchi ha 32 anni, è sancascianese ed è nota ai più per l’attività al Bar Franchi, dove lavora col padre Riccardo e col fratello Saverio da quando di anni ne aveva 19.

    Il fidanzato ha 36 anni, si chiama Valentino Passarelli, arriva da Sesto Fiorentino e si occupa di serigrafia e tampografia in una ditta di Calenzano. I due, incontratisi alla discoteca Flo di Firenze, sono oggi a pochi giorni dalle loro nozze.

    “Eravamo entrambi di ritorno dalle vacanze estive coi nostri amici – racconta Ombretta – ed ero all’entrata del Flo con la mia amica Martina Conti, quando nella folla notai subito un ragazzo. Quando mi sono avvicinata è stato lui a fermarmi. È stata davvero una coincidenza”.

    Valentino ha rotto il ghiaccio con un semplice “Ciao, come ti chiami?”. Ombretta, impacciata, se n’è andata dopo poche chiacchiere.

    Non si erano neanche scambiati i contatti, ma una buona amica, in questi casi, sa essere lungimirante.

    Infatti, quando ha visto Ombretta allontanarsi da Valentino, Martina si è insospettita: “Perché te ne sei andata?”, le ha chiesto. E quando Ombretta ha risposto che la vergogna aveva avuto la meglio, Martina ha colto la palla al balzo, minacciandola di non lasciarla tornare a casa se non avesse dato a quel ragazzo il numero di telefono.

    “Ci siamo rivisti al Flo per alcune volte – spiega Ombretta – prima di incontrarci a cena da soli al ristorante I Ghibellini, in piazza Santa Croce a Firenze”.

    In quell’occasione, pare che Valentino si sia reso protagonista di quello che lui stesso definisce un “pressing asfissiante”: “Volevo mettere il fermino!”, ammette sorridendo.

    “Ma dopo Formentera io e le mie amiche avevamo in programma un’altra vacanza a Ibiza – sorride Ombretta – quindi preferivo procedere con calma”.

    Ma alla fine ha vinto lui e dopo due anni, nel 2013, Valentino si è spostato per Ombretta nel nostro paese: precisamente nella sua casa natale, in via IV Novembre.

    “I miei genitori – continua Ombretta – mi lasciavano molta libertà. Io volevo fare qualcosa di nascosto, ma Valentino è sempre stato serio e ha voluto conoscerli dopo pochissimo”.

    “Mi hanno accolto bene – tiene a dire lui – e sono una bellissima famiglia. Anche di San Casciano sono contento e trovo che sia un posto molto bello”.

    I due parlavano da un po’ di matrimonio, ma Valentino ha voluto essere certo della risposta di Ombretta prima di chiederglielo ufficialmente. Così, dopo la mezzanotte dell’ultimo dell’anno del 2015 in un hotel parigino, è finalmente arrivata la proposta.

    “È un’emozione bellissima e forte – ricorda Ombretta – anche se lì per lì non ti rendi conto di che macchina si mette in moto dopo”.

    Sono entrambi credenti, ma se per lui non era essenziale sposarsi, Ombretta pensa “che sia una cosa in più per una coppia” e che per chi crede “dà una mano in più”.

    “Fortunatamente è diverso da me, se no ci s’era già accoltellati – scherza – Per la prima volta mi ha fatto sentire completa, poi mi placa con la sua calma e mi dà modo di sfogarmi con la sua pazienza. Io sono impetuosa, lui più riflessivo e mi ha rimesso coi piedi per terra, perché come dico io ho sempre vissuto tra le nuvole, mentre lui è pratico e realista”.

    “Mi è sempre piaciuta tanto – ribatte Valentino – perché anche se è un po’ scatenata è una bravissima ragazza. Io sono indeciso e lei mi aiuta tanto a non “gigioneggiarmela” e ad agire. Ero scapestrato e non avevo mai avuto storie serie: mi ha portato la stabilità e la voglia di avere una ragazza fissa. Per il futuro, spero che continui con la salute e il lavoro. La vita è piena di insidie, ma con lei al mio fianco so che andrà senz’altro bene”.

    “Anche io in realtà sto molto bene – sostiene Ombretta – e spero di rimanere come siamo adesso”.

    Si sposeranno sabato 29 luglio nella chiesa di Santa Cecilia a Decimo e la cena si terrà alla Villa il Petriccio di Montespertoli: “Preferivo non essere troppo in piazza – conclude Ombretta – e condividere questo momento con le mie persone in un ambiente piacevole e raccolto”.

    Vi chiederete che ne è stato di Martina Conti, che ha direzionato fedelmente la freccia di Cupido. Sarà a fianco di Saverio, fratello di Ombretta, nei panni di testimone della sposa; per Valentino, ci saranno la sorella Giovanna e uno dei suoi più cari amici, Simone Bigini.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...