spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La mostra curata da Markus Holzinger chiude nel prossimo fine settimana

    Oltre ai colori e ai segni della pittura, ci sono i suoni e le parole nella poliedrica performance di Markus Holzinger (in foto sopra), artista tedesco residente a San Casciano, che fino al 30 dicembre esporrà i suoi migliori lavori prodotti dal 2000 in una vecchia fabbrica di pneumatici (via Cassia, accanto a piazza Zannoni), trasformata per l’occasione in una galleria d’arte.
     

    Ma “TAG (Temporary Art Gallery) 2012” non è solo una mostra; lo spazio, dove un tempo stridevano suoni metallici, adesso accoglie eventi proponendosi come contenitore con-temporaneo di incontri e iniziative di carattere culturale. In programma per venerdì 28 e sabato 29 due occasioni da non perdere che intrecciano letture e musica. Domani alle 18 andrà in scena uno dei capolavori della letteratura modernista. A rievocarla la voce di Simone Calonaci che leggerà alcuni brani tratti da “The Waste Land” di T. S. Eliot, l’opera più celebre del poeta americano vissuto tra il XIX ed il XX secolo.
     

    Sabato alle 18 Silvia Masi e Gianni Mazzei interpreteranno le poesie “Chianti d’amore e di colline” di Silvana Nutini, accompagnati alla tastiera da Giovanna Caso. L’iniziativa è promossa con il patrocino del Comune di San Casciano.

     

    Indirizzo: TAG 2012, via Cassia per Firenze, San Casciano. Orario mostra: 10-13 e 15-21. Info: 3397229219. Ingresso libero.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...