giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    Terremoto centro Italia, a San Ginesio struttura multi funzionale quasi terminata: sancascianesi in visita

    Il sindaco Roberto Ciappi, il consigliere comunale Francesco Guarducci e il presidente della Festa del Volontariato Daniele Cavari sono andati a vedere... con i loro occhi

    SAN CASCIANO – I terremoti non sono mai andati via. Dalla testa, dal cuore, e dagli immobili. Ma la vita continua, va avanti.

    E’ così in tutto il centro Italia, martoriato negli anni scorsi. Ed è così anche per San Ginesio, comunità in provincia di Macerata che ha potuto contare sull’appoggio consistente di quella sancascianese.

    In particolare per la realizzazione di una nuova struttura geodetica, multifunzione: che adesso è quasi terminata.

    Sono andati a vederlo, e con loro c’era virtualmente tutta la comunità sancascianese, il sindaco Roberto Ciappi, il consigliere comunale Francesco Guarducci, il presidente della Festa del Volontariato Sancascianese Daniele Cavari.

    Amministrazione comunale e Festa del Volontariato sono stati infatti i due “attori” principali in una vicenda che ha visto coinvolti centinaia di sancascianesi.

    L’intero progetto della struttura a San Ginesio è stato realizzato grazie alle donazioni provenienti dai vari comuni e associazioni della Bassa Comasca, dagli SMS solidali e, appunto, dell’importante contributo di San Casciano

    Una bella struttura polivalente dove le scuole, le società sportive, le associazioni locali e tutta la comunità ginesina potranno ritrovare un loro luogo di incontro e condivisione.

    Un progetto permanente, simbolo del futuro che riparte e del ritmo che torna a scandire la quotidianità della comunità.

    “Una giornata ricca di emozioni – dicono Ciappi, Guarducci e Cavari – che ci rende nuovamente orgogliosi di essere stati protagonisti di questa ripartenza”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino