spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La soddisfazione dei sindaci Semplici e Pescini: “Notizia davvero positiva”

    Gli uffici postali delle frazioni di Vico d’Elsa (Barberino Val d’Elsa) e La Romola (San Casciano, in foto sopra) rimarranno aperti. I due uffici chiantigiani non rientrano tra quelli per i quali a partire dal mese di dicembre è stata predisposta la chiusura.

     

    La buona notizia è giunta ai sindaci Massimiliano Pescini (San Casciano) e Maurizio Semplici (Barberino) che commentano con parole di soddisfazione la scelta dell’azienda di mantenere aperti i servizi nelle aree decentrate dei comuni di San Casciano e Barberino.

     

    “E’ una notizia estremamente positiva – dichiarano i sindaci – sia per i cittadini del territorio sia per gli abitanti delle frazioni della Romola e di Vico d’Elsa; siamo consapevoli dell’importanza e del valore sociale dell’ufficio postale, lo riteniamo infatti un vero e proprio presidio per fare comunità. Continueremo a lavorare perché l’apertura degli sportelli sia mantenuta nel tempo e mostreremo massima disponibilità nel dialogo attivato con Poste italiane”.

     

    L’ufficio postale della Romola serve un territorio ampio e esteso che comprende La Romola, Chiesanuova e le aree limitrofe del territorio. Sono complessivamente 1.755 gli abitanti della popolazione residente nelle aree interessate dal servizio postale di cui 433 ultrasessantacinquenni.

     

    Quanto a Vico, frazione situata ai confini con Poggibonsi, il servizio interessa 800 abitanti, residenti nel centro abitato e nelle campagne circostanti. “Per queste aree decentrate – concludono i sindaci – lo sportello è essenziale e rappresenta un servizio fondamentale, naturalmente perché rimanga in vita esso ha bisogno di un certo numero di attività”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...