spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un murale per Matteo Coveri, il sindaco Ciappi: “Un segno indelebile l’amore che si prova per le persone”

    Realizzato dal Comune e dall'istituto Comprensivo II Principe con la partecipazione dell'associazione L'amore di Matteo Coveri Onlus, inaugurato venerdì 20 maggio

    SAN CASCIANO – L’amore di e per Matteo Coveri, il piccolo mercatalino scomparso nel 2018, è volato di cuore in cuore, di mano in mano, e si è diffuso tra i pennelli, le idee e i temi legati al gioco e alla spensieratezza di una memoria che è entrata a far parte del tessuto sociale ed educativo della comunità.

    Il ricordo di Matteo si è tradotto in un atto d’amore, in un gesto collettivo che si è moltiplicato tra gli sguardi di tutte le bambine e i bambini di Mercatale.

    Tantissime le persone che venerdì 20 maggio hanno preso parte all’inaugurazione del murale della primaria “Carlo Collodi”, promossa e organizzata dal Comune di San Casciano in Val di Pesa e dall’istituto Comprensivo “II Principe” con la partecipazione dell’associazione L’amore di Matteo Coveri Onlus.

    La comunità ha dedicato un segno permanente al ricordo di Matteo. Una parete esterna della scuola (della palestra) si è illuminata con una carrellata di simboli e oggetti raffiguranti le tante espressioni di quella che era la personalità di Matteo, le passioni e gli interessi, suddivisi tra sport, musica, videogiochi, natura e squadra del cuore.

    All’evento inaugurale dell’intervento grafico hanno preso parte anche le ragazze e i ragazzi della sezione musicale della scuola secondaria Ippolito Nievo di San Casciano.

    # Emozioni: la parete della palestra delle elementari di Mercatale è diventata… un murale per Matteo Coveri

    A tagliare il nastro il sindaco Roberto Ciappi, l’assessore alle politiche educative Elisabetta Masti insieme al dirigente scolastico Marco Poli, ai familiari e agli amici di Matteo Coveri.

    “Incursione” anche della nota Zia Caterina, che da Firenze ha raggiunto la scuola a bordo del suo Taxi Milano 25 ha concluso in bellezza il pomeriggio travolgendo tutta la comunità in un vortice di fantasia e generosità.

    Il nastro è stato realizzato dalle alunne e dagli alunni della scuola Collodi che hanno disegnato le mani di tutti i bambini in modo da far sentire idealmente a Matteo il loro abbraccio.

    “Il ricordo di Matteo Coveri è un segno indelebile – ha detto il sindaco Roberto Ciappi – abbiamo scelto di rappresentarlo con un murales pieno di emozioni per far capire a chiunque varchi la soglia di questa scuola che ciò che non passerà mai è l’amore che si prova per le persone”.

    “Nella vita – ha proseguito – ci capiterà di affrontare momenti di difficoltà e dolore ed è importante riflettere sul significato di ciò che si lascia agli altri”.

    “Con quest’opera – ha concluso – abbiamo festeggiato l’amore e le tante sfumature del bene, dei sentimenti che ci legano alla famiglia, agli amici, alle nostre passioni, è compito di ognuno di noi vivere il dono della vita al meglio e condividerlo con gli altri, un ringraziamento speciale alla famiglia Coveri e all’associazione onlus”.

    L’iniziativa è nata a seguito di un avviso pubblico, indetto dal Comune, per la realizzazione di un’opera grafica, nel genere street art, ispirata alle proposte e agli elaborati dei compagni di classe del piccolo Matteo. 

    Matteo Coveri, secondo di tre figli, è scomparso nel luglio 2018.

    Quando ha lasciato mamma Daniela, babbo Leonardo e due fratellini, aveva nove anni e mezzo e da due lottava contro il neuroblastoma. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...