lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    Un sancascianese restaura la cornice in legno che racchiude il Tabernacolo della Madonna del Latte

    Dante Fusi ha visto che il legno che custodisce la nicchia con l'affresco restaurato, in via IV Novembre, si stava rovinando. Così ha preso vernici e pennelli...

    SAN CASCIANO – Ci sono persone che amano il proprio paese. Che lo guardano e lo scrutano con occhi attenti, osservandone pregi e difetti.

    In questo caso gli occhi di Dante Fusi si sono soffermati sul tabernacolo in via IV Novembre, notando che l’intelaiatura di legno che racchiude l’affresco della Madonna del Latte, restaurato e inaugurato nel mese di novembre 2010, aveva bisogno di un’accurata ritinteggiatura.

    Così Dante si è prestato, in maniera gratuita, dopo aver chiesto il permesso e protette le parti da non toccare, di consolidare lo sportello di legno.

    Mattina dopo mattina, ecco che ha portato a buon fine la sua opera, garantendo così per i prossimi anni la protezione dalle intemperie alla Madonna del Latte.

    Del santo vescovo accanto alla Madonna che ha in mano la Parola di Dio e tre sfere d’oro: San Nicola, vescovo di Mira.

    Si pensava, prima del restauro eseguito da Maura Masini e Emanuela Peiretti, si trattasse addirittura di San Cassiano, patrono del paese.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino