spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un’altra lapide “misteriosa” in uno dei muri a sassi del nostro territorio. Un vecchio muratore svela il motivo

    Questa ci è stata segnalata a Santa Cristina in Salivolpe da Angiolino Bagnoli: "Venivano messe dai muratori quando tiravano su i muri a sasso o rivestivano le antiche fonti"

    SANTA CRISTINA IN SALIVOLPE (SAN CASCIANO) – Dopo il nostro articolo del 7 febbraio scorso, a proposito del ritrovamento di una lapide posta sul muro a sassi lungo la via Empolese, davanti alla scuola primaria “Il Principe” di san Casciano, un nostro attento lettore (Angiolino Bagnoli) ci ha segnalato la presenza di un’altra lapide simile a questa.

    # San Casciano: una misteriosa lapide sul muro di via Empolese, al Bardella

    Si trova lungo il muro (a sassi) su via Malafrasca, all’altezza della chiesa di Santa Cristina in Salivolpe.

    Ma non solo: sempre Angiolino è arrivato anche a ipotizzare il motivo di queste lapidi poste sui muri del nostro territorio.

    “Il mio babbo veniva da generazioni di maestri muratori di Santa Cristina in Salivolpe – ci racconta – e ricordo che quando tiravano su dei muri a sasso, o rivestivano le antiche fonti, era abitudine porre queste lapidi con la data di costruzione”.

    “Me lo ricordo benissimo – prosegue Angiolino – perché da ragazzo spesso andavo con lui, tanto che sono stato nei posti dove le avevo viste mettere, ma purtroppo oggi non ci sono più”.

    “Ma quando sono passato da via Malafrasca – dice ancora – ed ho notato una simile a quella descritta sul Gazzettino del Chianti, mi è sembrato giusto segnalarvela”.

    Siamo andati a vedere e, francamente, è simile a quella lungo via Empolese: la stessa forma, gli angoli hanno lo stesso disegno.

    E mentre su quella di via Empolese si legge ancora una lettera “D”, che può stare a significare Anno Domini, su quella in via Malafrasca al centro sembra ci sia stato uno stemma, di cui ancora oggi ne rimangono le tracce.

    Ringraziamo il nostro lettore Angiolino Bagnoli per la segnalazione, che passeremo anche all’assessore alla cultura del Comune di San Casciano Maura Masini

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...