spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Uomini e no”, stasera nell’arena entro le mura a San Casciano in scena il primo romanzo della Resistenza

    Dalle 21.30. La lettura scenica, su testo di Stefano De Martin, curata alla regia da Massimo Salvianti, sarà accompagnata dal Corpo Musicale Oreste Carlini

    SAN CASCIANO – Sono i fogli manoscritti contenuti nei “tubetti, più di cento, sepolti sotto terra”, a raccontare la Resistenza, per la prima volta all’umanità, attraverso la penna di Elio Vittorini, tra la primavera e l’autunno del ’44, dopo che l’autore affrontò l’esperienza del carcere milanese e la fuga in montagna per sfuggire alla polizia tedesca.  

    “Uomini e no” è il capolavoro letterario con il quale la comunità di San Casciano celebra il 76mo anniversario della Liberazione dall’occupazione nazista e dalla dittatura fascista. 

    Oggi, lunedì 27 luglio alle ore 21.30 nell’arena entro le mura, le vicende del romanzo e dell’amore impossibile che divampò nei mesi della lotta di Liberazione tra un partigiano e una borghese prendono vita nell’evento prodotto da Arca Azzurra nell’ambito del progetto regionale “Nuovi Pubblici”, teso ad ampliare l’interesse per il teatro attraverso il coinvolgimento diretto e consapevole delle comunità locali.

    Lo spettacolo “Uomini e no” di Elio Vittorini è proposto in forma di lettura scenica e vede protagonisti i lettori-interpreti provenienti da Arca Azzurra Produzioni e dai corsi del Teatro Niccolini, accompagnati dalla musica del Corpo Musicale Oreste Carlini.

    La scrittura scenica è curata da Stefano De Martin e la regia è firmata da Massimo Salvianti, coinvolto in veste di narratore.

    Salvianti interpreta anche Vittorini che nel libro si riserva un ruolo di protagonista attivo, dialogando con i personaggi, mettendosi a disposizione anche per mutarne il corso degli eventi.

    La partitura musicale, creata per questo evento da giovani artisti del Corpo Musicale Oreste Carlini, punteggiano i cambi di atmosfera del racconto.

    Ingresso libero fino ad esaurimento posti, nel rispetto delle normative anti Covid-19.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...