spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sedie fatte a pezzi, una statua appena installata abbattuta: un disastro

    SAN CASCIANO – Chi si è affacciato per vedere il panorama sulla vallata lungo il marciapiede pedonale del viale Corsini, sarà rimasto amareggiato nell’osservare l’atto vandalico commesso sulla terrazza del parcheggio ex Stianti, dove poche settimane fa si era festeggiata la “Notte bianca” con uno spettacolo d’intrattenimento.

     

    Lì infatti si è consumata una scena adatta a un film western, degna di un saloon dove per un bicchiere di troppo si accendono risse che finiscono per mandare in frantumi tavoli e sedie.

     

    Ma la scena non è tratta da un film, bensì ci troviamo nella realtà dove (al momento) i soliti ignoti non hanno trovato di meglio che ingannare il tempo con il solo gusto di spaccare le sedie e abbattere una scultura moderna.

     

    Così c’è chi si sofferma a commentare, a stringersi nelle spalle per proseguire scuotendo la testa. Ma non ci dobbiamo fermare al solo commento e attendere il prossimo danno: l’impegno dovrebbe essere quello di riuscire a trovare i colpevoli di questo nuovo atto incivile, perpetrato non in un luogo isolato, ma alla luce della notte e forse sotto lo sguardo di qualcuno. In pieno centro a San Casciano.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...