spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Via Certaldese e via Polvereto chiuse: settimane di fuoco per i pendolari della zona di San Pancrazio e dintorni

    Un tratto i cui lavori erano necessari ormai da tempo, visto il numero sempre più consistente di incidenti che si sono susseguiti nei mesi scorsi

    SAN PANCRAZIO (SAN CASCIANO) – Si conclude oggi la prima delle due settimane di lavori previste su via Certaldese, nel tratto tra San Pancrazio e Fornacette.

    Un tratto i cui lavori erano necessari ormai da tempo, visto il numero sempre più consistente di incidenti che si sono susseguiti nei mesi scorsi.

    Tra camion rimasti di traverso, macchine fuori strada, carrelli dei trattori ribaltati, la necessità di un intervento rapido era più che reale.

    Ed era stata esposta sia al sindaco di Montespertoli Alessio Mugnaini che a quello di San Casciano Roberto Ciappi, dagli abitanti di San Pancrazio nei rispettivi incontri dei mesi scorsi nelle frazioni.

    Un intervento arrivato però in maniera del tutto inaspettata, con una transenna messa solo qualche giorno prima a bordo strada e la strada totalmente chiusa al traffico da lunedì 25 luglio. La data di fine lavori prevista è per il 5 agosto.

    Un’altra intera settimana quindi, nella quale a farne le spese sono senza dubbio i pendolari e i tanti lavoratori che percorrono queste strade, costretti a passare da Lucignano o da Poppiano, allungando notevolmente il percorso.

    Via Lucignano poi non è sicuramente tra i tratti più adatti a sopportare un traffico così importante, visti i suoi numerosi punti stretti, che permettono a malapena lo scambio tra due mezzi, come l’intero tratto dentro al paese, stretto e costeggiato da auto in sosta.

    Un intervento quindi necessario, ma allo stesso tempo difficile da gestire, se si considera anche il numero importante di turisti che in questo periodo popolano la zona.

    Se poi un pendolare viene da Tavarnelle e ha necessità di andare verso la Ginestra, beh, le cose si fanno ancora più complicate, visto che solo qualche giorno prima era stata chiusa la strada di Polvereto per riparare, finalmente, il tratto franato a gennaio 2021 a seguito dei forti temporali che si erano abbattuti sulla zona.

    Per quel tratto però, a differenza di via Certaldese, non c’è certezza sulla fine dei lavori, ma la dicitura di prassi: “Chiusa fino a fine lavori”.

    Anche questo intervento risulta più che necessario per garantire il ripristino e la sicurezza di un tratto certo meno trafficato, ma comunque di collegamento diretto tra le piccole frazioni e Tavarnelle.

    Come ciliegina sulla torta, Fornacette è stata scelta come frazione d’inizio per il passaggio della fibra nel comune di Montespertoli. E quindi sono giorni che il paese è popolato da operai che, a loro volta, lavorano anche sui tratti stradali per passare i cavi, e quindi creando ulteriori restringimenti e rallentamenti.

    Anche questo però, senza dubbio, un intervento che migliorerà notevolmente la vita di tutti, sempre più legata alla linea internet, sia a livello lavorativo, che familiare.

    “Non possiamo dire di non essere felici per questi lavori improntati soprattutto al ripristino della sicurezza di tratti stradali che quotidianamente facciamo” ci dicono alcuni pendolari.

    “Speriamo solo che vengano mantenuti i tempi indicati – auspicano – e che non si creino troppi ritardi. Certo, se non erano tutti insieme così, forse ci complicavano meno la quotidianità”.

    “Per lo meno – concludono – potevano avvertire con un pò più di preavviso, così da poterci organizzare in qualche modo. Speriamo solo che siano interventi risolutivi”:

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...